Contenuto sponsorizzato

I droni di Pergine per la prevenzione del cancro batterico sui kiwi, per il conteggio dei frutti e per prevedere la pernospora

Raggiunti ottimi risultati negli interventi contro la ticchiolatura del melo la società Metacortex è pronta ad affrontare nuove sfide nel 2019
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 11 febbraio 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Dopo i risultati positivi raggiunti nell’utilizzo sperimentale di droni per programmare gli interventi contro la ticchiolatura del melo basandosi sul grado di bagnatura e l’accrescimento della superficie fogliare, la società Metacortex di Pergine Valsugana affronta la stagione 2019 con ulteriori proposte che ampliano il ventaglio degli interventi nel settore dell’agricoltura di precisione.

 

Il responsabile della ricerca e promozione Rino Goller elenca le seguenti applicazioni già messe a punto e provate ma da estendere in pieno campo: analisi del rischio di cancro batterico sui kiwi, previsione attacchi di peronospora su vite, conteggio frutti di varie specie compresi i grappoli d’uva, analisi del terreno a distanza.

 

La variegata proposta di Metacortex ha richiamato l’interesse anche di consorzi frutticoli e aziende agricole di fuori provincia.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 maggio - 11:06

Il Trentino non è ancora uscito dall’emergenza sanitaria, il matematico del Cnr Sebastiani: “Lombardia, Liguria, Piemonte e la provincia di Trento, tornano a preoccupare, qui i valori dell'incidenza vanno da 1,6 a 3,4 nuovi casi al giorno per 100.000 abitanti, situazioni che andranno monitorate con attenzione”

28 maggio - 13:20

Descritto dalla Provincia di Bolzano come uno degli ''artisti più eclettici della sua generazione'' Patrick Trentini ha prima scritto una lettera a Mirko Bisesti e poi fatto un video tutto da vedere dove mostra l'incredibile gaffe compiuta dall'assessore alla cultura e all'istruzione raccontandola alla sua maniera (per una sensazione finale che si avvicina al tragicomico)

28 maggio - 12:55

Le investigazioni sono state condotte con i metodi classici,  attraverso una serie di delicati servizi di osservazione e pedinamento poiché il ragazzo, per non essere individuato, era solito cambiare continuamente le aree di incontro: evitava di ripetere luoghi e orari degli appuntamenti per cercare di passare inosservato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato