Contenuto sponsorizzato

Il 20% degli apicoltori trentini non ha ''denunciato'' i suoi alveari. A rischio ci sono i contributi europei

Il rispetto dell’obbligo da parte di tutti gli apicoltori trentini garantirebbe l’attuale consistenza del contributo europeo per il sostegno dell’apicoltura la cui entità è rapportata al numero di alveari regolarmente dichiarati
Dal blog di Sergio Ferrari - 07 febbraio 2019 - 20:28

Alla scadenza del 31 dicembre 2018 prevista dal decreto nazionale che impone l’obbligo di denuncia degli alveari alla banca dati degli allevamenti animali, circa il 20% dei 1800 apicoltori trentini risultava inadempiente.

 

I medici veterinari centrali e distrettuali dell’azienda provinciale per i servizi sanitari hanno tenuto conto delle difficoltà incontrate da parte di apicoltori anziani e non professionisti nel trasmettere i dati per via telematica.

 

All’ingiunzione immediata della sanzione prevista dalla normativa nazionale i sanitari trentini suppliscono con un capillare servizio di assistenza ai ritardatari. Il rispetto dell’obbligo da parte di tutti gli apicoltori trentini garantirebbe l’attuale consistenza del contributo europeo per il sostegno dell’apicoltura la cui entità è rapportata al numero di alveari regolarmente dichiarati.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 22:30

Il plantigrado non avrebbe più vie di fuga e il ministro, che a poche ore dalla fuga ha diffidato la Provincia dall'abbatterlo, chiede nuovamente al presidente Maurizio Fugatti di non uccidere l'animale: "E' un animale braccato e riuscirete a prenderlo ma non sparate. Io mi sto attivando al massimo delle mie competenze per evitare un Daniza2"

16 luglio - 19:29

La settimana scorsa il vicepresidente della circoscrizione di Gardolo, il leghista della prima ora Pacifico Mottes, ha ufficializzato la sua uscita del partito. Il segretario Bisesti: "Per l'affetto sincero che provo per lui non commento". Malumori ci sarebbero però anche in altre zone del territorio

16 luglio - 18:08

Buona la prima per il 30enne Edoardo Fumagalli e per la sua nuovissima brigata: tutti giovani, alcuni già con esperienze internazionali. Matteo Lunelli: "Scelto per bravura, per la sua carica giovanile, per la sua voglia di confrontarsi col mondo"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato