Contenuto sponsorizzato

Il 20% degli apicoltori trentini non ha ''denunciato'' i suoi alveari. A rischio ci sono i contributi europei

Il rispetto dell’obbligo da parte di tutti gli apicoltori trentini garantirebbe l’attuale consistenza del contributo europeo per il sostegno dell’apicoltura la cui entità è rapportata al numero di alveari regolarmente dichiarati
Dal blog di Sergio Ferrari - 07 febbraio 2019 - 20:28

Alla scadenza del 31 dicembre 2018 prevista dal decreto nazionale che impone l’obbligo di denuncia degli alveari alla banca dati degli allevamenti animali, circa il 20% dei 1800 apicoltori trentini risultava inadempiente.

 

I medici veterinari centrali e distrettuali dell’azienda provinciale per i servizi sanitari hanno tenuto conto delle difficoltà incontrate da parte di apicoltori anziani e non professionisti nel trasmettere i dati per via telematica.

 

All’ingiunzione immediata della sanzione prevista dalla normativa nazionale i sanitari trentini suppliscono con un capillare servizio di assistenza ai ritardatari. Il rispetto dell’obbligo da parte di tutti gli apicoltori trentini garantirebbe l’attuale consistenza del contributo europeo per il sostegno dell’apicoltura la cui entità è rapportata al numero di alveari regolarmente dichiarati.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 aprile - 06:01

Mirko (nome di fantasia) sta terminando la quinta elementare. Ha passato cinque anni infernali con due compagni che lo hanno deriso e picchiato. ''Tutto è iniziato in prima elementare – ci racconta la madre – quando per dei problemi posturali ha iniziato ad indossare delle scarpe ortopediche, non così differenti a livello estetico da quelle degli altri ma è bastato a farlo prendere di mira”.

19 aprile - 09:24

Sono state trovate cento tonnellate di materiale illecitamente stoccato, tra cui rifiuti molto pericolosi sparsi e in balia delle intemperie . Un trentino di 59 anni, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria 

19 aprile - 09:45

Un'auto che viaggiava in direzione di Riva del Garda ha invaso la corsia opposta e si è scontrata con un altro mezzo. Dalle prime informazioni ci sarebbe un ferito grave

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato