Contenuto sponsorizzato

Il calabrone asiatico, killer delle api? Non era quello di Avio

PILLOLE VERDI/Qualche settimana fa sui giornali era uscita la notizia di un focolaio di vespa Velutina in un giardino di Avio. Il confronto con la scheda dell'Istituto zooprofilattico delle Venezie conferma che era un calabrone nostrano
Dal blog di Sergio Ferrari - 13 settembre 2016 - 10:35

L’allarme suscitato nell’ambiente apistico trentino e tra i medici veterinari dell’Azienda per i servizi sanitari della Provincia di Trento dalla annunciata presenza di un focolaio di vespa Velutina o Calabrone asiatico, predatore di api, in un giardino privato di Avio sembrerebbe non trovare conferme. E nessuna colpa verrebbe ascritta al proprietario del giardino Marco Sega.

 

Su due piante ornamentali la moglie di Marco ha riscontrato nel mese di luglio l’andirivieni di grosse vespe, tipo calabrone nostrano, che rodevano la corteccia di entrambe le piante. Facendole gradualmente intristire fino a renderne necessario l’abbattimento. Si trattava di una pianta di lillà e di una di forsizia. Utilizzando un insetticida spray Marco e la moglie hanno abbattuto numerosi esemplari dell’insetto ma non hanno mai trovato il nido di provenienza. Alcuni sono stati consegnati al giornalista che ha dato la notizia della probabile loro appartenenza alla specie denominata appunto vespa velutina o calabrone asiatico.

 

Il riscontro con la scheda del devastante predatore di api fornita dall’Istituto zooprofilattico delle Venezie conferma invece che si è trattato di calabrone nostrano. Anch’esso preda le api ma aggredendole singolarmente per portarle poi nel proprio nido. Il calabrone asiatico fa invece strage dell’alveare e solo dopo si ciba delle vittime.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 luglio - 19:16

Gli obiettivi sono organizzati in sette aree strategiche, che hanno l’ambizione di voler alimentare un confronto permanente tra tutti i protagonisti della vita collettiva: la politica, le istituzioni, le espressioni più rappresentative della cultura, della società, dell’economia, del territorio, della cittadinanza delle aree urbane e delle valli 

19 luglio - 16:57

La diga e il lago di Santa Giustina, oltre a produrre energia elettrica, saranno al centro del progetto di valorizzazione turistica che porterà alla realizzazione di una skywalk. Gli interventi avranno un costo di circa 1,80 milioni di euro e saranno sostenuti da Dolomiti Edison Energy, società titolare della concessione della centrale idroelettrica

19 luglio - 18:26

Vittorio Feltri, direttore editoriale di Libero, senza freni quest'oggi a La Zanzara su Radio 24. A tener banco e ancora M49-Papillon l'orso Trentino catturato e poi fuggito dal Casteller ad inizio settimana

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato