Contenuto sponsorizzato

Il calabrone asiatico, killer delle api? Non era quello di Avio

PILLOLE VERDI/Qualche settimana fa sui giornali era uscita la notizia di un focolaio di vespa Velutina in un giardino di Avio. Il confronto con la scheda dell'Istituto zooprofilattico delle Venezie conferma che era un calabrone nostrano
Dal blog di Sergio Ferrari - 13 settembre 2016 - 10:35

L’allarme suscitato nell’ambiente apistico trentino e tra i medici veterinari dell’Azienda per i servizi sanitari della Provincia di Trento dalla annunciata presenza di un focolaio di vespa Velutina o Calabrone asiatico, predatore di api, in un giardino privato di Avio sembrerebbe non trovare conferme. E nessuna colpa verrebbe ascritta al proprietario del giardino Marco Sega.

 

Su due piante ornamentali la moglie di Marco ha riscontrato nel mese di luglio l’andirivieni di grosse vespe, tipo calabrone nostrano, che rodevano la corteccia di entrambe le piante. Facendole gradualmente intristire fino a renderne necessario l’abbattimento. Si trattava di una pianta di lillà e di una di forsizia. Utilizzando un insetticida spray Marco e la moglie hanno abbattuto numerosi esemplari dell’insetto ma non hanno mai trovato il nido di provenienza. Alcuni sono stati consegnati al giornalista che ha dato la notizia della probabile loro appartenenza alla specie denominata appunto vespa velutina o calabrone asiatico.

 

Il riscontro con la scheda del devastante predatore di api fornita dall’Istituto zooprofilattico delle Venezie conferma invece che si è trattato di calabrone nostrano. Anch’esso preda le api ma aggredendole singolarmente per portarle poi nel proprio nido. Il calabrone asiatico fa invece strage dell’alveare e solo dopo si ciba delle vittime.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 aprile - 18:17

Il centrosinistra deve riannodare il discorso dopo la doppia débâcle del 2018 tra politiche e provinciali. Una campagna che inizia alla presenza dei vertici dei partiti di coalizione da Lucia Maestri per il Pd a Annalisa Caumo per Upt, da Lucia Coppola come portavoce dei Verdi a Antonella Valer per Leu, da Alessandro Pietracci del Psi a Piergiorgio Cattani per Futura. In attesa del Patt

24 aprile - 12:55

Sono quattro i percorsi ai quali si lavora per toccare tutta l'Italia, da Nord a Sud, da Est a Ovest. L'intenzione è quella di marciare insieme e organizzare incontri in varie città per giovedì 20 giugno in occasione della giornata mondiale del rifugiato

23 aprile - 16:11

Un settore davvero strategico per il Trentino, tanto da riservare una quota non inferiore allo 0,25% delle entrate annuali facendolo riconoscere a livello internazionale per i tanti interventi portati avanti. Le opposizioni: "Ma non dicevano di volerli aiutare a casa loro? Solo slogan senza prospettiva". Dopo la proposta di disegno di legge, Futura interroga Fugatti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato