Contenuto sponsorizzato

Il cane procione c'è anche in Trentino e ora se ne va in letargo

A giugno un esemplare era stato investito sulla superstrada che unisce Bolzano a Merano. E' molto raro vederlo ed è l’unica specie della famiglia dei Canidi che va in letargo durante l’inverno
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 01 dicembre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Nel mese di giugno di quest’anno sulla superstrada che unisce Bolzano a Merano, nei pressi dell’abitato di Gargazzone, è stata rinvenuta morta una giovane femmina di cane procione, sicuramente investita da un automezzo in transito. Il naturalista Sergio Abram fa presente che si è trattato del primo ritrovamento di un soggetto morto nel Trentino Alto Adige. La specie è stata più volte avvistata in Trentino a partire dalla metà degli anni ’80.

 

E’ l’unica specie della famiglia Canidi, dice l’esperto, che va in letargo durante l’inverno. Ha gli stessi comportamenti della volpe con la quale condivide da parte dei pochi che ne conoscono l’esistenza, l’appellativo di animale dannoso all’agricoltura. Va invece tenuto presente che il cane procione insieme a molte altre specie di animali carnivori quali orso, lupo, faina, martora, ermellino, svolge una funzione equilibratrice nell’ambito degli ecosistemi naturali e/o coltivati.

 

Anch’esso infatti si nutre di topi, arvicole e insetti del terreno. Insieme ad altri può morire a seguito dell’assunzione di esche avvelenate non protette distribuite nei frutteti per eliminare tipi e arvicole. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato