Contenuto sponsorizzato

Il clima è mite e il bostricolo si risveglia, la presenza è consistente

La media di insetti adulti catturati nelle 221 trappole a feromoni era compresa tra 1.000 e 6.600 unità. Al di sotto però della soglia di allerta di 8.000 catture
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 21 febbraio 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Il monitoraggio della popolazione di bostrico nei boschi colpiti dalla tempesta Vaia effettuato durante la stagione 2019 da Cristina Salvadori della Fondazione Mach ha confermato una presenza dell’insetto lignicolo definita consistente, ma inferiore al livello temuto.

 

La media di insetti adulti catturati nelle 221 trappole a feromoni era compresa tra 1.000 e 6.600 unità. Al di sotto quindi della soglia di allerta di 8.000 catture.

 

Solo il 10% delle trappole aveva catturato quantità superiori, fino a 52.600 esemplari. Ma si trattava di popolazione già presente negli anni precedenti alla tempesta.

 

Il problema torna alla ribalta a seguito delle temperature miti del mese di febbraio. In annate normali gli adulti svernanti riprendono l’attività quando la temperatura media dell’aria raggiunge almeno 18 gradi.

 

Verso la metà di aprile nella fascia compresa fra 800 e 1.000 metri di altitudine. Non prima della metà di maggio a quote più elevate. Il clima mite registrato finora induce Cristina Salvadori a ritenere probabile una ripresa anticipata del bostrico.

 

Alcune uscite di controllo nelle zone più calde del Trentino potranno confermare o disattendere la previsione.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 04:01

Lo studio esclusivo condotto da 4 università (fra cui Trento) e dal Policlinico San Matteo di Pavia mostra cosa accadrà se le misure dell’ultimo Dpcm non dovessero frenare i contagi: “La crescita esponenziale dei positivi trascinerà con sé quella delle terapie intensive e dei decessi, le strutture sanitarie saranno messe in ginocchio

28 ottobre - 20:06

Il Partito democratico: "Quello che ci dispiace è che in un momento così delicato come quello che stiamo attraversando Fugatti agisca in modo propagandistico invece che responsabile". I sindacati: "L'aspetto più grave è che saranno le imprese e i lavoratori a pagare le conseguenze di questa situazione di totale indeterminatezza"

28 ottobre - 20:47

La serrata francese scatta da giovedì 29 ottobre al 1 dicembre. Solo oggi sono stati registrati 36.437 nuovi casi e 244 decessi. Forte crescita dei contagi anche in Germania, un mese di "lockdown soft"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato