Contenuto sponsorizzato

Il mais di Storo sempre ai massimi livelli di notorietà, ma quello di Caldonazzo vive un momento difficile

Il marchio Caldonazzo Spin è proprietà dell’azienda de Bellat che lo concede in uso all’Associazione. Dai 16 ettari i 24 agricoltori coinvolti nel 2018 hanno ricavato complessivamente 500 quintali di granella
Dal blog di Sergio Ferrari - 11 marzo 2019 - 20:42

Mentre il mais nostrano di Storo e la farina da polenta che se ne ricava rimangono saldi al massimo livello di notorietà, si fa sempre più difficile il mantenimento della coltivazione del mais Caldonazzo Spin dalla cui granella si ricava la farina da polenta della Valsugana.

 

Fino a qualche anno fa gli ettari coltivati erano circa 30. Nel 2018 risultavano dimezzati. Raimondo Rinaldi che collabora a tempo parziale con l’Associazione tutela farina della Valsugana fornisce alcune notizie sulla situazione.

 

Il marchio Caldonazzo Spin è proprietà dell’azienda de Bellat che lo concede in uso all’Associazione. Dai 16 ettari i 24 agricoltori coinvolti nel 2018 hanno ricavato complessivamente 500 quintali di granella.

 

Il conferimento al deposito della de Bellat è coordinato dall’associazione che provvede a consegnare la granella essiccata al mulino Agostini di Caldonazzo, che si occupa della molitura, dell’insacchettamento della farina e dello stoccaggio temporaneo delle confezioni.

 

Il rilancio dell’intero progetto potrebbe partire dal consiglio di amministrazione dell’azienda de Bellat recentemente rinnovato. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 maggio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 maggio - 13:21

All'indomani della bufera sul capo di gabinetto di Spinelli, Tonini e Maestri ritornano sulla vicenda per chiedere provvedimenti: " Stile, coerenza e rigore devono essere caratteri distintivi anche di coloro che, collocati nei ruoli più diversi, lavorano per le Istituzioni". In caso di dimissioni, sarebbe il secondo capo di gabinetto a lasciare il ruolo

22 maggio - 12:24

Laureata in Lingue e letterature straniere moderne e attualmente insegnante inglese al liceo linguistico e scientifico di Pizza di Fassa, già Procuradora del Comun general de Fascia, la candidata per il centrosinistra corre nel collegio della Valsugana per un posto alla Camera 

22 maggio - 06:01

La malattia di Lyme è la più diffusa. Secondo i dati dell'Apss nel 2017 i casi notificati sono stati 29. Rizzoli: "Le temperature più miti hanno fatto prolungare il periodo di attività durante il quale la zecca cerca un ospite di cui cibarsi"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato