Contenuto sponsorizzato

Il rinvenimento di zecche attive anche durante la stagione invernale non è correlato con un aumento numerico di topi selvatici ma dipende da fattori climatici

La Fondazione Mach ha avuto dall’Unione Europea l’incarico di elaborare insieme alla Fondazione Bruno Kessler modelli matematici di previsione dello sviluppo delle zecche sulla base dei dati raccolti sistematicamente sul territorio trentino
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 25 febbraio 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

I topi selvatici rappresentano un serbatoio di agenti di malattia trasmessi dalle zecche.

 

Ma il rinvenimento di zecche attive anche durante la stagione invernale da parte degli esperti di ecologia applicata della Fondazione Mach non è correlato con un aumento numerico di topi selvatici nella stagione 2019 ma dipende da fattori climatici.

 

Annapaola Rizzoli dirigente del Centro ricerca e innovazione della Fondazione Mach che nella veste di medico veterinario competente in materia di zoofauna selvatica già da quando lavorava al Centro di ecologia alpina delle Viote, ha continuato ad occuparsi con altri colleghi passati alla Fem di zecche e di malattie trasmesse all’uomo.

 

La Fondazione Mach ha avuto dall’Unione Europea l’incarico di elaborare insieme alla Fondazione Bruno Kessler modelli matematici di previsione dello sviluppo delle zecche sulla base dei dati raccolti sistematicamente sul territorio trentino.

 

I modelli servono alle autorità sanitarie per predisporre piani di prevenzione delle malattie trasmesse da zecche.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 06:10

Da inizio ottobre i ricoveri negli ospedali sono tornati ad aumentare e nelle Rsa la situazione è drammatica. Il presidente dell'Ordine degli Infermieri spiega: "I ricoveri stanno aumentano e così anche i bisogni dei pazienti. Ci preoccupano le settimane e i mesi difficili che ci troviamo davanti perché gli infermieri sono sfiniti e provati"

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato