Contenuto sponsorizzato

In Val di Non ciliegie sempre più importanti e allora c'è chi sperimenta il diradamento dei frutti

La pezzatura quest’anno per motivi climatici è risultata leggermente inferiore alla media degli anni precedenti. Su queste previsioni si basa la proposta tecnica di un frutticoltore dell’Alta Val di Non
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 22 settembre 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La coltivazione di ciliegie a maturazione tardiva in Val di Non continuerà ad aumentare. Non solo per la vocazione ambientale del territorio che consente di raggiungere livelli di eccellenza ma anche per la necessità di differenziare l’offerta concentrata sulle mele. Le altre regioni continueranno comunque ad esercitare una crescente azione di concorrenza.

 

Le ciliegie a marchio Melinda dovranno quindi distinguersi sempre di più per caratteristiche qualitative. Prime fra tutte la pezzatura che quest’anno per motivi climatici è risultata leggermente inferiore alla media degli anni precedenti. Su queste previsioni si basa la proposta tecnica di un frutticoltore dell’Alta Val di Non di praticare anche sui ciliegi il diradamento dei frutti.

 

 

L’operazione non è priva di difficoltà e rischi. La selezione va fatta quando i frutti iniziano a prendere colore, prima della conclusione della cascola naturale che per la varietà Regina può riservare sorprese fino alla fine. C’è infine una questione di tempi. Diradamento delle ciliegie coincide temporalmente con quello imprescindibile delle mele.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.00 del 11 Agosto
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

11 agosto - 16:26

La Provincia di Bolzano ha annunciato un provvedimento per inasprire i controlli e le regole contro la diffusione del virus nei settori gastronomico, ricettivo e commerciale. E' prevista per giovedì la seduta straordinaria in cui si formalizzerà questa linea dopo i dati preoccupanti sulla ripresa dei contagi sul territorio provinciale. E se a Merano il Comune tappezza la città di cartelli che invitano all'attenzione, sul lago di Braies si impone l'obbligo di mascherina

11 agosto - 18:41

Sono migliaia già le persone che hanno deciso di sottoscrivere la petizione online. Per la senatrice trentina è fondamentale "seguire la scienza". "E' importante - spiega - agire non solo per salvare noi stessi, ma anche per proteggere gli altri”

11 agosto - 15:52

Agire sostiene Carli per la corsa alla carica di primo cittadino del capoluogo e schiera una lista di volti nuovi affiancati a qualche politico più conosciuto. Tra questi anche l'ex consigliera provinciale del Patt

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato