Contenuto sponsorizzato

In Val di Non ciliegie sempre più importanti e allora c'è chi sperimenta il diradamento dei frutti

La pezzatura quest’anno per motivi climatici è risultata leggermente inferiore alla media degli anni precedenti. Su queste previsioni si basa la proposta tecnica di un frutticoltore dell’Alta Val di Non
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 22 settembre 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La coltivazione di ciliegie a maturazione tardiva in Val di Non continuerà ad aumentare. Non solo per la vocazione ambientale del territorio che consente di raggiungere livelli di eccellenza ma anche per la necessità di differenziare l’offerta concentrata sulle mele. Le altre regioni continueranno comunque ad esercitare una crescente azione di concorrenza.

 

Le ciliegie a marchio Melinda dovranno quindi distinguersi sempre di più per caratteristiche qualitative. Prime fra tutte la pezzatura che quest’anno per motivi climatici è risultata leggermente inferiore alla media degli anni precedenti. Su queste previsioni si basa la proposta tecnica di un frutticoltore dell’Alta Val di Non di praticare anche sui ciliegi il diradamento dei frutti.

 

 

L’operazione non è priva di difficoltà e rischi. La selezione va fatta quando i frutti iniziano a prendere colore, prima della conclusione della cascola naturale che per la varietà Regina può riservare sorprese fino alla fine. C’è infine una questione di tempi. Diradamento delle ciliegie coincide temporalmente con quello imprescindibile delle mele.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 06 dicembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 dicembre - 19:12

Tantissimi i giovani e le famiglie che sono arrivate a Trento accogliendo la proposta del popolo delle sardine di scendere in piazza per ribadire la loro distanza da odio, rabbia e populismo

06 dicembre - 17:07

L'ex presidente della Pat ribadisce oggi la sua distanza dalla Lega di Salvini con un messaggio di solidarietà alle tante persone che tra poco si riuniranno in Piazza Dante: ''Non ci sarò perché penso loro preferiscano essere neutre politicamente. Ma faccio tanti auguri!''

06 dicembre - 11:12

Le abbondanti precipitazioni nevose delle ultime settimane hanno favorito l'inizio della stagione del letargo. Ecco quindi un orso che, sul Brenta orientale, è impegnato a raccogliere materiale vegetale per prepararsi la tana in vista del letargo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato