Contenuto sponsorizzato

La frutticoltura moderna tende a ricavare il massimo reddito, ma è necessario un diradamento

In pratica si fa di tutto per evitare l’alternanza ed avere il massimo carico di fiori. Ancora prima della fioritura si portano nel frutteto arnie di api per l’impollinazione. Solo i frutticoltori biologici sono obbligati per legge a rinunciare ai diradanti chimici di sintesi
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 30 aprile 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La frutticoltura moderna tende a ricavare il massimo reddito dall’unità di superficie.

 

Il frutticoltore è quindi costretto a una serie di interventi agronomici di segno opposto e chiaramente controsenso.

 

Lo afferma Alberto Dorigoni esperto di frutticoltura della Fondazione Mach.

 

In pratica si fa di tutto per evitare l’alternanza ed avere il massimo carico di fiori. Ancora prima della fioritura si portano nel frutteto arnie di api per l’impollinazione.

 

Ad allegagione avvenuta, ma anche nelle fasi precedenti (già in piena fioritura) s’interviene con prodotti chimici diradanti anche più volte e in diverse fasi fenologiche.

 

Se il dirado chimico non raggiunge il risultato voluto, il frutticoltore deve procedere al diradamento manuale.

 

Solo i frutticoltori biologici sono obbligati per legge a rinunciare ai diradanti chimici di sintesi.

 

Possono ricorrere alla flagellazione della parete fiorale che ha molte limitazioni anche di tipo biologico e produttivo o all’impiego di polisolfuri di calcio, considerato prodotto naturale. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 febbraio - 15:17

E mentre la colonnina di mercurio è salita, un iceberg di 300 chilometri quadrati, paragonabile alle dimensioni di Malta, si è staccato dal ghiacciaio Pine Island. E mentre anche in Trentino si decide di investire milioni di euro su impianti anche sotto i 1.000 metri come a Bolbeno il noto climatologo spiega: ''La neve c'è oltre i 2 mila metri, mentre più in basso i paesaggi sono primaverili. Gli investimenti non dovrebbero più andare solo sullo sci''

18 febbraio - 16:45

Visitabile nella galleria di via Muredei 8, l'esposizione è stata inaugurata oggi alla presenza della segretaria della Cgil Trentino Manuela Faggioni e del segretario dello Spi Paolo Burli. "Mai indifferenti" mette in mostra le politiche discriminatorie del regime fascista che portarono gradualmente alle leggi razziali del 1938

18 febbraio - 11:14

Nell'ambito della rassegna di spettacoli con strumenti di ghiaccio, Mimmo Cuticchio, maestro della tradizione dei cuntori, si esibirà sul ghiacciaio Presena nell'enorme igloo realizzato per il festival. Nel farlo, il fondatore dell'Opera dei Pupi, utilizzerà delle marionette di ghiaccio realizzate per l'occasione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato