Contenuto sponsorizzato

La plastica nel terreno, un problema ancora sconosciuto ma che va ridotto

La nocività della plastica nei confronti degli esseri viventi, uomo compreso, è data per scontata, anche se molti aspetti del problema rimangono da definire
Dal blog di Sergio Ferrari - 14 marzo 2019 - 21:17

"Plastica nel terreno, un problema ancora sconosciuto in frutti-viticoltura". E’ il titolo di un articolo di più autori, compreso un ricercatore del Centro sperimentale di Laimburg, pubblicato sul numero 6/2018 di Frutta e Vite, rivista specializzata del Centro di consulenza dell’Alto-Adige.

 

La nocività della plastica nei confronti degli esseri viventi, uomo compreso, è data per scontata, anche se molti aspetti del problema rimangono da definire.

 

Le fonti di apporto di sostanze plastiche in frutti-viticoltura sono principalmente rappresentate dal materiale che si usa per legare rami e tralci e dagli erogatori di feromoni. Apporti eccezionali provengono da residui di retri antigrandine o di irrigazione o da reti di protezione da roditori (lepri).

 

Nell’articolo si fa presente che un contributo al minore apporto di plastica al terreno può dipendere dall’impiego di erogatori di feromoni ad aerosol che riduce il numero di contenitori e dall’impiego per le legature di fili metallici ricoperti di carta.

 

L’argomento è di attualità nel periodo delle legature soprattutto in viticoltura e dell’esposizione di feromoni impiegati nella lotta contro insetti e fitofagi tramite confusione sessuale.

Potrebbe interessarti anche
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 marzo - 20:12

Venerdì una serata aperta alla cittadinanza dedicata a ''Genere, educazione, pluralità'' e, nel pomeriggio, appuntamento con la Cgil in piazza Dante. Il 30 marzo tutti a Verona per il corteo di Non una di meno

21 marzo - 18:37
Le indagini partono poco più di due mesi fa, quando gli agenti pizzicano un veicolo di proprietà di un comune della Val Rendena e condotto da un dipendente di Tione mentre compie una violazione alla segnaletica stradale. Gli accertamenti però mettono in luce un quadro pesante per l'uomo tra truffa, peculato e falsa attestazione di servizio
21 marzo - 20:01

I due giovani si trovavano in un tratto di pista molto ripida.  Il Soccorso alpino gli ha fatto calzare le racchette da neve e sono stati accompagnati, con l'ausilio di una corda, a valle fino alla motoslitta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato