Contenuto sponsorizzato

La Provincia sceglie di finanziare gli impianti a goccia e non quelli antibrina

Dovendo scegliere fra le due strade la Pat ha scelto di puntare sulle azioni tese a risparmiare l'acqua. L’80% della superficie coltivata a frutteto e vigneto in Trentino è servita da impianti di irrigazione a goccia
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 05 ottobre 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Le gelate di aprile, la siccità estiva e le forti grandinate che hanno caratterizzato la stagione produttiva 2017 hanno determinato un forte calo di produzione sia in frutticoltura che in viticoltura. Dovendo scegliere fra due strade da percorrere rappresentate dal potenziamento della rete degli impianti antibrina o dal sostegno di azioni intese a risparmiare acqua, la Provincia di Trento ha scelto di continuare a finanziare la trasformazione degli impianti irrigui a pioggia in impianti a goccia.

 

L’80% della superficie coltivata a frutteto e vigneto in Trentino è servita da impianti di irrigazione a goccia. Le fonti di finanziamento sono rappresentate dal Piano di sviluppo rurale 2014-2020 e dalla legge provinciale n. 4 del 2003. Nel piano di sviluppo rurale 2014-2020 è prevista una somma di finanziamenti pari a 19 milioni di euro: 12 già erogati, 7 da utilizzare in futuro.

 

Vanno aggiunti 7 milioni di euro stanziati a supporto di opere mirate al risparmio d’acqua tramite la legge 4/2003. Per quanto riguarda la grandine, rimane solo l’assicurazione.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 18:46

Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 191 positivi a fronte dell'analisi di 2.761 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,9%. Tra i nuovi contagiati, 128 persone presentano sintomi, circa il 67% dei positivi totali. Sono 116 le classi in isolamento

28 ottobre - 17:47

Il rischio di impugnazione da parte del governo dell'ordinanza si è palesato quasi subito. Si è cercato, come più volte espresso dal presidente Maurizio Fugatti nel corso di una confusa conferenza stampa, di leggere tra le pieghe del Dpcm. Ora è arrivata la presa di posizione da Roma

28 ottobre - 17:23

Sono 100 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero, mentre 6 pazienti sono in terapia intensiva. Si prevede la riorganizzazione dell'ospedale di Rovereto per fronteggiare la recrudescenza dell'epidemia da Covid-19

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato