Contenuto sponsorizzato

La razza Rendena è presidio slow food, tre aziende agricole e una macelleria hanno aderito al progetto

L’adesione all’associazione è aperta a tutti a condizione che gli interessati accettino e facciano proprie le finalità del progetto e le modalità esecutive. Si sta lavorando nella messa a punto di un disciplinare di produzione riferito per ora a carne, latte e formaggi
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 09 agosto 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La razza bovina di Rendena è presidio Slow Food dal febbraio di quest’anno. A richiedere il riconoscimento è stata l’associazione “Valore Razza Rendena” presieduta da Manuel Cosi.

 

Registrare la razza e non i singoli prodotti è stata una scelta precisa per avere più opzioni ed essere liberi di estendere il progetto ad altri prodotti e soprattutto al territorio.

 

L’adesione all’associazione è aperta a tutti a condizione che gli interessati accettino e facciano proprie le finalità del progetto e le modalità esecutive.

 

Finora hanno aderito tre aziende agricole e una macelleria. Si sta lavorando nella messa a punto di un disciplinare di produzione riferito per ora a carne, latte e formaggi.

 

I promotori intendono inserire nel paniere d’offerta altri prodotti quali latte crudo, yogurt, carne salada e un insaccato. Ma con gradualità e nel rispetto delle regole impartite da Slow Food.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 luglio - 13:32

E' di dieci punti il programma presentato da Forza Italia questa mattina con il nuovo commissario per il Trentino Ettore Zampiccoli. Baracetti ha spiegato che è importante “riportare al centro i doveri” e questo per avere “diritti e libertà”. “La cultura del diritto ad ogni costo – ha affermato – non porta benessere ma alla cultura dell'Io. Di soli diritti si rischia di morire”

08 luglio - 12:56

Si doveva votare il 21 giugno e per arrivarci (e arrivare alla conferma di Vučić) il problema della pandemia ancora presente nel Paese è stato sminuito. Oggi i conti non tornano (come spiega l'Osservatorio Balcani Caucaso) e questa notte all'annuncio dell'inasprimento delle regole per contenere il virus gli antigovernativi hanno manifestato. Sono stati bruciati tre mezzi della polizia, 23 persone sono state arrestate e si segnalano molti feriti

08 luglio - 11:31

A trovare il corpo senza vita della donna è stato un turista che stava parcheggiando l'auto. Si segue la strada dell'omicidio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato