Contenuto sponsorizzato

L'anno scorso morirono sette giovenche in Val di Non per i moscerini Simulidi. Ecco come difendersi

Dall’esperienza maturata quando era veterinario provinciale, Costanzi ricorda che le malghe maggiormente esposte ai simulidi si trovano nel Lomaso (Giudicarie esteriori) e sul monte Baldo in Vallagarina
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 05 giugno 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Lo scorso anno ai primi di giugno in una malga della Val di Non morirono sette giovenche poco dopo l’arrivo in alpeggio a causa di un attacco massiccio di moscerini della famiglia Simulidi. Carlo Costanzi medico veterinario a riposo ricorda alcune misure preventive.

 

I simulidi completano il loro sviluppo in corsi d’acqua localmente stagnanti prima di farsi trasferire in quota dalle correnti d’aria ascensionali o grazie al trasferimento autonomo. E’ quindi opportuno evitare che i bovini rimangano all’aperto nelle ore calde del giorno.

 

E’utile coprire con uno spesso strato di grasso le parti degli animali prive di peli e quindi direttamente esposte alle punture dei temibili succhiatori di sangue. Dall’esperienza maturata quando era veterinario provinciale, Costanzi ricorda che le malghe maggiormente esposte ai simulidi si trovano nel Lomaso (Giudicarie esteriori) e sul monte Baldo in Vallagarina.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 09:04

E' successo questa mattina, non ci sono stati feriti ma le persone che si trovavano all'interno sono state soccorse dai vigili del fuoco. La linea è stata chiusa per consentire l'intervento dei tecnici 

18 novembre - 11:19

Canne fumarie coperte da neve, il rischio è che questa situazione crei un cattivo tiraggio del camino che impedisce la dispersione dei fumi di combustione in atmosfera, favorendo la concentrazione del pericoloso monossido di carbonio (CO) all'interno dell'abitazione

18 novembre - 09:30

L'incidente è avvenuto ieri sera poco dopo le 23 e sul posto si sono portati i vigili del fuoco, i carabinieri e i soccorsi sanitari. I tre giovani sono stati trasportati in codice giallo all'ospedale di Arco 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato