Contenuto sponsorizzato

Latifoglie, nei boschi trentini foglie ingiallite prima del solito

La carenza di acqua ha fatto soffrire anche gli animali selvatici. Per questo motivo le associazioni protezionistiche avevano chiesto il rinvio dell’inizio della stagione venatoria
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 17 settembre 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La siccità ha provocato uno stato di sofferenza fisiologica alle latifoglie dei boschi trentini che hanno iniziato già ai primi di settembre a presentare foglie ingiallite. Un mese prima del solito.

 

Anche la caduta sarà anticipata di conseguenza. Lo stress idrico non ha risparmiato neppure le conifere che presentano aghi ingialliti anzitempo, ma che rimarranno in pianta anche durante l’inverno. Escluso il larice che perde gli aghi ogni anno e per questo è stato denominato da Carlo Linneo Larix decidua.

 

La carenza di acqua, dice Giorgio Zattoni del Servizio foreste e fauna della PAT, ha fatto soffrire anche gli animali selvatici. Per questo motivo le associazioni protezionistiche avevano chiesto il rinvio dell’inizio della stagione venatoria. Tornando alle latifoglie, Zattoni ricorda che per natura esse hanno una dotazione di foglie superiore del 10% al fabbisogno fisiologico. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 marzo - 05:01

Nei giorni scorsi è avvenuta la chiusura di Gaudì, uno dei principali negozi di abbigliamento in centro storico a Trento. Ma ci sono anche altre catene, di abbigliamento e arredamento, che potrebbero essere pronte a fare le valige nei prossimi mesi. Massimo Piffer: ''Non dobbiamo abbandonare la piazza, i rapporti umani e i confronti. Abbiamo bisogno di una riprogrammazione urbanistica commerciale''

03 marzo - 20:14

Ecco il quadro odierno del contagio in Trentino. Due i decessi avvenuti in provincia con Covid: si tratta di un uomo e una donna

03 marzo - 19:30

Protagonista di un incidente che sarebbe potuto finire in tragedia, già nel pomeriggio di mercoledì 3 marzo "l'uomo con il carrello" è stato visto a Pergine, città che, nonostante le denunce e gli interventi delle autorità, pare "tenere in scacco". Il sindaco Oss Emer: "Abbiamo provato di tutto. Ci deve essere un buco normativo"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato