Contenuto sponsorizzato

Le rondini tardano ad arrivare, si stima un calo di oltre il 40% della popolazione

La Lega italiana protezione uccelli (Lipu) stima un calo della popolazione di rondini di oltre il 40%. Sono meno pessimisti due esperti trentini interpellati sull’argomento
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 14 aprile 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Il mancato o ritardato arrivo delle rondini alla data tradizionale del 21 marzo induce a pensare alle cause che possono avere determinato il fenomeno.

 

La Lega italiana protezione uccelli (Lipu) stima un calo della popolazione di rondini di oltre il 40%. Sono meno pessimisti due esperti trentini interpellati sull’argomento.

 

Sergio Abram che risiede in Val di Non, pur riconoscendo che rispetto a qualche decennio fa oggi si usano antiparassitari meno velenosi, chiama in causa gli atomizzatori. Questi sollevano di molte decine di metri una nube di goccioline e di insetti che le rondini assumono in volo. 

 

Tra pochi anni comunque tutta la Val di Non sarà convertita alla frutticoltura biologica per inevitabili ragioni di sopravvivenza economica.

 

Paolo Pedrini, zoologo del Muse di Trento, non esclude che anche quest’anno le rondini tornino a nidificare almeno nelle stalle dove trovano mosche e altri insetti di cui nutrirsi.

 

Non esclude che le rondini abbiano cambiato luoghi di svernamento e di approdo per colpa del cambiamento climatico. Dice infine che le alte temperature primaverili fanno risvegliare in anticipo gli insetti che poi vengono a mancare in giugno quando le rondini devono nutrire la covata.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 04:01

Lo studio esclusivo condotto da 4 università (fra cui Trento) e dal Policlinico San Matteo di Pavia mostra cosa accadrà se le misure dell’ultimo Dpcm non dovessero frenare i contagi: “La crescita esponenziale dei positivi trascinerà con sé quella delle terapie intensive e dei decessi, le strutture sanitarie saranno messe in ginocchio

28 ottobre - 20:06

Il Partito democratico: "Quello che ci dispiace è che in un momento così delicato come quello che stiamo attraversando Fugatti agisca in modo propagandistico invece che responsabile". I sindacati: "L'aspetto più grave è che saranno le imprese e i lavoratori a pagare le conseguenze di questa situazione di totale indeterminatezza"

28 ottobre - 20:47

La serrata francese scatta da giovedì 29 ottobre al 1 dicembre. Solo oggi sono stati registrati 36.437 nuovi casi e 244 decessi. Forte crescita dei contagi anche in Germania, un mese di "lockdown soft"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato