Contenuto sponsorizzato

Le uova a manicotto della processionaria dei pini

Sugli aghi dei rami più esposti si trovano i resti delle uova aperte riuniti in manicotti. La media numerica è di 200 uova per manicotto. Se il numero si abbassa a 120-150 vuol dire che la popolazione è in regressione
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 20 ottobre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Per valutare la consistenza di popolazione della processionaria dei pini e capire se l’insetto è in fase di progradazione o di regressione, gli entomologi forestali e del verde urbano della Fondazione Mach attendono che le larve siano uscite dalle uova ed abbiano iniziato a formare agli apici dei rami i nidi provvisori. Questo avviene durante il mese di settembre.

 

Sugli aghi dei rami più esposti si trovano i resti delle uova aperte riuniti in manicotti. La media numerica è di 200 uova per manicotto. Se il numero si abbassa a 120-150, la popolazione è in fase di retrogradazione. Se invece supera i 250 elementi, l’infestazione è in fase di crescita. Cristina Salvadori che segue da anni lo sviluppo della Processionaria in alcuni siti di riferimento del Trentino ritiene che la popolazione sia in fase di retrogradazione dopo il picco massimo dello scorso anno.

 

L’esame delle ovature consente agli entomologi di verificare anche la presenza di parassitoidi delle uova. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 settembre - 11:03

Dopo l'uscita piuttosto pesante del presidente della Lega trentina sull'Svp che si allea a Bolzano con il centrosinistra, il consigliere provinciale di Alto Adige Autonomia Carlo Vettori ha consegnato in Consiglio regionale un'interrogazione, beccandosi gli insulti di Alessandro Savoi. "Finché fa il giullare in Consiglio provinciale a Trento non c'è problema, ma non si metta il becco nelle questioni altoatesine"

30 settembre - 15:17

La guardia di finanza ha sequestrato al confine con l’Austria circa 400 litri di gasolio che un 29enne stava tentando di far entrare in Italia dal valico di Prato alla Drava. Il cittadino austriaco rischia una maxi-multa da 7.746 euro e fino a tre anni di reclusione

30 settembre - 15:00

Una mattinata del governatore veneto tra Rovereto e Riva del Garda con il presidente Fugatti e il segretario Bisesti. Zambelli, candidato a Rovereto, "C’è una forbice importante tra la destra e il centrosinistra, ma tranquilli: quel voto non rappresenta la volontà della città, che verrà espressa solo dal ballottaggio di domenica" 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato