Contenuto sponsorizzato

Legna in esubero dai faggi schiantati dalla tempesta Vaia

Acquistare legna di faggi schiantati contribuirà oltretutto a salvare dall’abbattimento piante di faggio rimaste in piedi dopo la tempesta Vaia
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 02 luglio 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La tempesta Vaia di fine ottobre 2018 ha abbattuto anche piante di latifoglie come il faggio.

 

Tra le possibili forme di recupero di questo tipo di legname c’è la destinazione a legna da ardere.

 

Giorgio Zattoni, direttore dell’Ufficio distrettuale forestale di Pergine Valsugana, fa presente che rispetto ad un’annata normale la disponibilità di legna da ardere quest’anno sarà di conseguenza superiore alle richieste.

 

Invita pertanto comuni, Asuc e cittadini a fare scorta di questo prezioso combustibile anche per i prossimi anni.

 

Acquistare legna di faggi schiantati contribuirà oltretutto a salvare dall’abbattimento piante di faggio rimaste in piedi dopo la tempesta Vaia.

 

Serviranno a produrre il seme necessario per assicurare il ripopolamento naturale nei boschi disastrati. 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
29 gennaio - 22:26
I dati forniti dal Centro Nazionale Trapianti, la Provincia autonoma di Trento è a buoni livelli per il numero di donazioni per milione di [...]
Cronaca
30 gennaio - 11:53
La gattina di due anni è stata trovata nell'Alto Garda in condizioni molto difficili. Per salvarla è stato necessario farle flebo, reidratarla e [...]
Società
30 gennaio - 09:00
Il racconto a Il Dolomiti di Angela Kotyk: "E' il mio unico figlio, l'ho cresciuto da sola con mia mamma perché è orfano di padre: sono [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato