Contenuto sponsorizzato

Legna in esubero dai faggi schiantati dalla tempesta Vaia

Acquistare legna di faggi schiantati contribuirà oltretutto a salvare dall’abbattimento piante di faggio rimaste in piedi dopo la tempesta Vaia
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 02 luglio 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

La tempesta Vaia di fine ottobre 2018 ha abbattuto anche piante di latifoglie come il faggio.

 

Tra le possibili forme di recupero di questo tipo di legname c’è la destinazione a legna da ardere.

 

Giorgio Zattoni, direttore dell’Ufficio distrettuale forestale di Pergine Valsugana, fa presente che rispetto ad un’annata normale la disponibilità di legna da ardere quest’anno sarà di conseguenza superiore alle richieste.

 

Invita pertanto comuni, Asuc e cittadini a fare scorta di questo prezioso combustibile anche per i prossimi anni.

 

Acquistare legna di faggi schiantati contribuirà oltretutto a salvare dall’abbattimento piante di faggio rimaste in piedi dopo la tempesta Vaia.

 

Serviranno a produrre il seme necessario per assicurare il ripopolamento naturale nei boschi disastrati. 

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 13 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
14 maggio - 18:00
Il commissario per l'emergenza coronavirus, insieme a Fabrizio Curcio (capo della Protezione civile nazionale), accompagnato dal presidente della [...]
Società
14 maggio - 17:02
"Che la tua storia insegni alla gente che esistete anche voi in questo mondo, e che correre in macchina non ci porterà da nessuna parte". Sono [...]
Politica
14 maggio - 16:37
L’ulteriore apertura della scuola dell’infanzia è prevista nel mese di luglio per le scuole a calendario ordinario, nel mese di giugno per le [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato