Contenuto sponsorizzato

L'inverno dell'orso che per le femmine vuol dire anche fare i cuccioli

I nostri orsi si rifugiano in cavità rocciose o già presenti nel terreno e vanno incontro ad uno stato di torpore che non equivale a letargo di tipo tradizionale. Nei ricoveri non si nutrono affatto, ma interrompono il torpore fisiologico se vengono spaventati
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 13 gennaio 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

L’orso durante l’inverno si rifugia in cavità rocciose o già presenti nel terreno e va incontro ad uno stato di torpore che non equivale a letargo di tipo tradizionale. Lo afferma il naturalista Sergio Abram che segue da decenni il comportamento del plantigrado e può fare il confronto con gli orsi dell’Alpenzoo di Innsbruck realizzato nel 1971 dal suo amico zoologo Hans Psenner.

 

Anche nel recinto gli orsi si muovono pochissimo e si nutrono solo per la sopravvivenza. Nei ricoveri naturali, dice Abram, gli orsi non si nutrono affatto, ma interrompono il torpore fisiologico solo se vengono spaventati da rumori e intrusioni inattese o a seguito di innalzamento di temperatura.

 

La femmina partorisce durante la permanenza nel ricovero da uno a tre cuccioli a partire da gennaio. La permanenza nel ricovero dura anche fino a aprile. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 04:01

Lo studio esclusivo condotto da 4 università (fra cui Trento) e dal Policlinico San Matteo di Pavia mostra cosa accadrà se le misure dell’ultimo Dpcm non dovessero frenare i contagi: “La crescita esponenziale dei positivi trascinerà con sé quella delle terapie intensive e dei decessi, le strutture sanitarie saranno messe in ginocchio

28 ottobre - 20:06

Il Partito democratico: "Quello che ci dispiace è che in un momento così delicato come quello che stiamo attraversando Fugatti agisca in modo propagandistico invece che responsabile". I sindacati: "L'aspetto più grave è che saranno le imprese e i lavoratori a pagare le conseguenze di questa situazione di totale indeterminatezza"

28 ottobre - 20:47

La serrata francese scatta da giovedì 29 ottobre al 1 dicembre. Solo oggi sono stati registrati 36.437 nuovi casi e 244 decessi. Forte crescita dei contagi anche in Germania, un mese di "lockdown soft"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato