Contenuto sponsorizzato

Lotta alla drosofila, vietato importare insetti utili

Solo l'Europa potrebbe chiedere la licenza ma la richiesta deve partire dai produttori
Dal blog di Sergio Ferrari - 25 marzo 2018 - 14:58

Tecnici e ricercatori della Fondazione Mach sono impegnati su vari fronti per trovare mezzi e metodi efficaci di lotta alla drosofila che rappresenta il nemico più importante delle ciliegie e dei piccoli frutti. La lotta biologica affidata a parassitoidi che aggrediscono larve e pupe del dannosissimo moscerino rappresenta uno degli strumenti più indagati. I parassitoidi finora impiegati sono autoctoni.

 

L’importazione da Paesi orientali di origine della drosofila è vietata dalle norme vigenti che si oppongono all’introduzione dall’estero di specie animali e vegetali, compresi gli insetti utili. Il motivo è legato al fatto che non si può sapere a priori se le specie importate potranno creare danno alla biodiversità dell’attuale ecosistema. Entomologi della Svizzera, paese fuori dall’Unione Europea e quindi non obbligato a rispettare il divieto, stanno già sperimentando con successo la capacità di contenimento della drosofila da parte di tre specie di parassitoidi importati da Cina e Giappone.

 

Solo l’Unione Europea potrebbe concedere una deroga, ma la richiesta deve partire dalle organizzazioni di produttori.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 13:32

Oggi è il 25 aprile e Salvini si è dimostrato ancora una volta ambiguo rispetto a questa ricorrenza dando, in questo modo un segnale al suo popolo e alla sua classe dirigente che continua a ritenerlo infallibile nonostante le continue retromarce (dal numero di immigrati clandestini all'aumento delle accise). Addirittura consigliere provinciali si fanno le foto con a fianco la sua immagine come fosse una guida spirituale

25 aprile - 16:38

Non va più bene nemmeno che le oche facciano i loro bisogni nel loro habitat naturale, su dei prati in riva al lago: Oss Emer ha già emesso un'ordinanza per farle rimuovere e portare in una fattoria vicina. Wwf, Lipu, Pan - Eppaa e Legambiente: ''Pronte a ricorrere in sede giuridica. Quelle oche selvatiche sono nate in natura e si recano su quei prati essenzialmente in inverno quindi non creano problemi al turismo'' 

25 aprile - 16:14

Un'auto nell'affrontare una curva prima dell'abitato di Nogarè ha stretto troppo la traiettoria per uscire di strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato