Contenuto sponsorizzato

L'uomo cambia gli equilibri ambientali e le gardene non sostano più nei nostri meleti

Dal Nord Europa scendevano gruppi numerosi di cesene, uccelli migranti che in Trentino si chiamano gardene. Le cause potrebbero essere diverse, ma non bisogna escludere la mancata nidificazione per scelte dell'uomo
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 19 dicembre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Quando i meli erano innestati su franco o su portainnesti più vigorosi dell’M9 e la loro altezza superava di molto quella degli attuali impianti, a fine stagione rimanevano sui rami molte mele da raccogliere.

 

Dal Nord Europa scendevano gruppi assai numerosi di cesene, uccelli migranti che in Trentino si chiamano gardene. Questi uccelli migratori, dice il naturalista Sergio Abram, interrompevano il volo per scendere e sostare nei frutteti perché attratti dalle mele.

 

Oggi nei frutteti a taglia ridotta si vedono solo pochi esemplari di gardene che nidificano sul territorio trentino. Non è questo, dice l’esperto, l’unico esempio di mutamento degli equilibri biologici ed ambientali conseguente alle scelte dell’uomo.

 

Anche se le cause della mancata migrazione possono essere diverse. 

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
16 giugno - 10:24
Un operaio che stava lavorando in cantiere è stato travolto da un ponteggio per poi cadere in uno scavo profondo una decina di metri. Oltre a [...]
Società
15 giugno - 19:05
Il Comune di Cortina pagherà 70mila euro per riportare il treno a casa, questo l'accordo trovato con Trentino Trasporti. Roberto Andreatta: [...]
Politica
15 giugno - 20:33
Secondo le stime di Cgil, Cisl, Uil e Acli trentine molti bambini figli di genitori stranieri sono rimasti esclusi dall’assegno di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato