Contenuto sponsorizzato

Meli resistenti, due velocità alla Fem: per il gruppo di genomica risultati modesti

Si chiama Consorzio Innovazione Frutta, in sigla CIF il centro di ricerca privato istituito nel 2011 quale socio di Apot e della Fondazione Mach con il preciso incarico di valorizzare le nuove varietà di melo. Alla fine dal team che opera con metodi tradizionali le migliori varietà
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 01 marzo 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Si chiama Consorzio Innovazione Frutta, in sigla CIF il centro di ricerca privato istituito nel 2011 quale socio di Apot e della Fondazione Mach con il preciso incarico di valorizzare le nuove varietà di melo prodotte con tecniche di genetica tradizionale o dal Dipartimento di genomica e biologia delle piante da frutto. In seguito Apot sollecitò l’allargamento della ricerca a fragole e piccoli frutti. Nacque così il progetto Apple and Berry.

 

I vivaisti frutticoli trentini associati all’omonimo consorzio perché incaricati del compito di moltiplicare in vivaio le nuove varietà uscirono dal consorzio. Non volevano concorrere alla copertura di spese riguardanti i piccoli frutti che non rientravano nella loro competenza d’interesse. Il lavoro di genetica tradizionale è continuato per il settore melo.

 

Di fragole e piccoli frutti continuò ad occuparsi un altro gruppo di ricercatori della Fondazione Mach. I risultati ottenuti finora dal Dipartimento genomica e biologia delle piante da frutto, nonostante cospicui investimenti, si può considerare modesto. Il gruppo di lavoro che ha operato con metodi tradizionali di incrocio e selezione può invece vantare di avere ottenuto alcune centinaia di varietà interessanti. Esse si trovano in prova in alcuni campi sperimentali della FEM o di privati.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 marzo - 19:21

Le vittime sono 8 donne e 10 uomini. Sono 7 i decessi avvenuti nelle Rsa. L'età media è di 87 anni. Sono 2.340 i positivi per coronavirus in Trentino, 104 casi e ci sono, purtroppo, 18 nuovi decessi. Complessivamente le vittime per complicanze legate a Covid-19 sul territorio salgono a 120 per un totale di 184 morti a livello regionale

28 marzo - 18:33

Se n’è andato alla soglia della sua 87esima vendemmia. Un cultore della tradizione, viticola anzitutto. Curava i suoi vigneti con ritmi ancestrali, usando legare le viti con le ‘strope’, per rispettare l’habitat, per non disperdere la gestualità rurale e pure per non inquinare con qualche legaccio sintetico

28 marzo - 17:57

Sono 2.340 i trentini positivi a Covid-19. L'aggiornamento di Provincia e Azienda provinciale per i servizi sanitari riporta 104 nuovi contagi sul territorio provinciale. Fugatti: "Le notizie sui decessi sono drammatiche ma il trend sembra stabilizzarsi"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato