Contenuto sponsorizzato

Mercato molto attivo per la farina bianca di Storo

Le cifre fornite dal direttore Arturo Donati si riferiscono all’andamento delle vendite della farina prodotta dalla molitura del grano raccolto nella stagione 2019
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 07 maggio 2020

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

E’ molto attivo il mercato della farina bianca di frumento gestito dalla cooperativa Agri’90 di Storo.

 

Le cifre fornite dal direttore Arturo Donati si riferiscono all’andamento delle vendite della farina prodotta dalla molitura del grano raccolto nella stagione 2019.

 

Gli ettari coltivati erano 24; i quintali di grano 1200; la farina tipo 1 (semi integrale) circa 1000 quintali (resa 78%). La farina si vende in confezioni da 1-5 e 25 chili.

 

Le confezioni grandi sono acquistate da pochi panificatori trentini attenti all’origine e alla qualità del prodotto.

 

Il prezzo (1,5 euro a chilo) non abbassa la domanda. Nel mese di marzo di quest’anno sono stati venduti 120 quintali di farina a fronte di una media di 60 quintali dei mesi precedenti.

 

Gli acquirenti sono per il 90% trentini. Una piccola quota si vende in provincia di Brescia

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 agosto - 05:01

La Giunta ha eseguito quanto previsto dal Governo Conte per ''risarcire'' coloro che avevano abbonamenti al servizio pubblico e non li hanno utilizzati per via dell'interruzione anticipata dovuta al Covid. Le modalità di ristoro sono differenziate per categorie di utenti (ecco i dettagli per le diverse classi di studenti e per i privati). Cgil, Cisl e Uil: ''Al di là delle buone intenzioni del governo nazionale sarebbe stato opportuno, però, che Roma finanziasse questa misura con risorse adeguate''

07 agosto - 16:27

Una delle conseguenze del lockdown è stato l'inevitabile allungamento dei tempi delle liste di attesa, in particolare per quelle prestazioni per le quali non è stato possibile ricorrere alla telemedicina. Oggi la Giunta provinciale ha dato mandato all'Apss di coinvolgere e responsabilizzare le strutture private accreditate e convenzionate con il servizio sanitario provinciale per contenere i tempi massimi di attesa delle visite

07 agosto - 17:43

Il Trentino sale a 5.614 casi e resta a 470 decessi da inizio epidemia. Sono 5 i pazienti con Covid-19 nel reparto di malattie infettive. Sono stati analizzati nelle ultime 24 ore 1.252 tamponi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato