Contenuto sponsorizzato

Perché nascondere i dati sugli scopazzi?

All’ultima giornata frutticola di Cles non è stato presentato il consuntivo del monitoraggio scopazzi che anche nel 2016 è stato effettuato in tutto il Trentino. Rendere pubblici i dati riferiti alle diverse zone frutticole dovrebbe essere un obbligo
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 05 March 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Contrariamente a quanto succedeva nelle precedenti edizioni, durante l’ultima giornata frutticola di Cles non è stato presentato il consuntivo del monitoraggio scopazzi che anche nel 2016 è stato effettuato in tutto il Trentino. Rendere pubblici i dati riferiti alle diverse zone frutticole dovrebbe essere un obbligo per il fatto che il costo dei sopralluoghi è almeno parzialmente a carico della Provincia. Non basta riferirli alle cooperative di zona.

 

Un confronto con altre zone servirebbe anche per misurare l’effetto dei trattamenti contro le psille vettrici del micoplasma e dell’estirpazione delle piante segnate. Il responsabile dell’area consulenza del Centro per il trasferimento tecnologico della Fondazione Mach, Claudio Ioriatti, ha assicurato che prossimamente la stagista che si occupa d’insetti vettori pubblicherà il resoconto dei dati raccolti in 15 anni di monitoraggio, con adeguato commento.

 

I sintomi tipici della malattia sono l'affastellamento dei germogli e le foglie allungate. Gli affastellamenti dei germogli, a forma di "scopa", sono di colore rosso e il legno non è completamente maturato. L’agente patogeno della malattia sono batteri trasmessi per mezzo di insetti vettori, quali le psille Cacopsylla picta e Cacopsylla melanoneura.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 febbraio - 19:39
Dopo 25 anni dal tragico accadimento l’amministrazione sceglie di interrompere gli eventi pubblici per ricondurre le celebrazioni alla sfera [...]
Montagna
05 febbraio - 19:42
A causa del distacco di valanghe, si contano molte morti ma anche un numero elevato di persone travolte. Arianna Sittoni, 30enne di [...]
Cronaca
05 febbraio - 19:22
La testimonianza di un residente del comune nella bassa Val di Non: "Era già successo due settimane prima che avessero provato a entrare in [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato