Contenuto sponsorizzato

Perché quest’anno si trovano più zecche del solito nei prati o vicino ai boschi? Ma non tutte trasmettono malattie

Sembra che ce ne siano di più perché le variazioni di temperatura e di umidità frequenti nel mese di maggio le hanno costrette a muoversi in massa alla ricerca di soggetti da pungere
Dal blog di Sergio Ferrari - 05 giugno 2019 - 19:40

Perché quest’anno si trovano più zecche del solito nei prati o vicino ai boschi? Risponde Annapaola Rizzoli della Fondazione Mach che si occupa di zecche o di malattie trasmesse all’uomo e agli animali dalla metà degli anni ’80.

 

Sembra che ce ne siano di più perché le variazioni di temperatura e di umidità frequenti nel mese di maggio le hanno costrette a muoversi in massa alla ricerca di soggetti da pungere.

 

In pratica le zecche erano più affamate. Il rinvenimento di una o più zecche su parti del corpo non significa trasmissione certa di malattia: borelliosi o malattia di Lime e encefalite virale.

 

Togliere al più presto dal corpo lo stiletto boccale dà maggiore garanzia. Ma va tenuto presente che a trasmettere la malattia sono solo le zecche portatrici del batterio e del virus.

 

Sono portatrici del batterio che causa la borreliosi il 10% delle zecche. Il dato scende a 0,01% per il virus dell’encefalite. Il numero di zecche infette non cambia molto da una stagione all’altra. Un aumento c’è stato lo scorso anno perché nel 2017 c’erano molti più topi portatori di agenti patogeni.

 

L’aumento di topi è stato attribuito alla maggiore presenza di semi  di faggio dei quali i topi selvatici si cibano. Ultima informazione: il vaccino protegge dall’encefalite virale, non dalla borreliosi. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 agosto - 16:02

A Roma si consuma la crisi di governo aperta dal leader della Lega e vice premier Matteo Salvini. Conte entra durissimo: "E' contraddittorio il comportamento di una forza politica, che presenta una mozione di sfiducia e non ritira i ministri. La cultura delle regole e il rispetto delle istituzioni non si improvvisano. Pericoloso e preoccupante chiedere pieni poteri e invocare le piazze"

20 agosto - 17:09

Dopo Giuseppe Conte e Matteo Salvini arriva l'intervento di Matteo Renzi. "Il vice premier non conosce il diritto e la costituzione dopo 26 anni pagato dai contribuenti per incarichi pubblici. E' andato al governo con il 17%, un governo che ha fallito anche per sua responsabilità"

20 agosto - 16:35

Dopo il discorso del presidente del consiglio la replica del ministro degli interni è stata fiacca e sentita più e più volte. Ancora una volta i riferimenti alla Madonna, alla fede e la citazione di Papa Giovanni Paolo II

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato