Contenuto sponsorizzato

Perché quest’anno si trovano più zecche del solito nei prati o vicino ai boschi? Ma non tutte trasmettono malattie

Sembra che ce ne siano di più perché le variazioni di temperatura e di umidità frequenti nel mese di maggio le hanno costrette a muoversi in massa alla ricerca di soggetti da pungere
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 05 giugno 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Perché quest’anno si trovano più zecche del solito nei prati o vicino ai boschi? Risponde Annapaola Rizzoli della Fondazione Mach che si occupa di zecche o di malattie trasmesse all’uomo e agli animali dalla metà degli anni ’80.

 

Sembra che ce ne siano di più perché le variazioni di temperatura e di umidità frequenti nel mese di maggio le hanno costrette a muoversi in massa alla ricerca di soggetti da pungere.

 

In pratica le zecche erano più affamate. Il rinvenimento di una o più zecche su parti del corpo non significa trasmissione certa di malattia: borelliosi o malattia di Lime e encefalite virale.

 

Togliere al più presto dal corpo lo stiletto boccale dà maggiore garanzia. Ma va tenuto presente che a trasmettere la malattia sono solo le zecche portatrici del batterio e del virus.

 

Sono portatrici del batterio che causa la borreliosi il 10% delle zecche. Il dato scende a 0,01% per il virus dell’encefalite. Il numero di zecche infette non cambia molto da una stagione all’altra. Un aumento c’è stato lo scorso anno perché nel 2017 c’erano molti più topi portatori di agenti patogeni.

 

L’aumento di topi è stato attribuito alla maggiore presenza di semi  di faggio dei quali i topi selvatici si cibano. Ultima informazione: il vaccino protegge dall’encefalite virale, non dalla borreliosi. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 giugno - 06:02

Dopo aver scoperto in diretta dall'annuncio del presidente Fugatti che i servizi all'infanzia avrebbero riaperto (praticamente solo per 5 settimane o poco più) si è scatenato il caos tra gli addetti ai lavori trattati alla stregua di ''parcheggiatori'' di bambini. Ieri sono arrivate le linee guida ma le lettere di due istituti della Valsugana dimostrano quanta poca condivisione ci sia stata in questa fase da parte della Giunta con i dirigenti che arrivano a consigliano ai genitori di valutare attentamente il reinserimento dei loro bambini

03 giugno - 17:24

La raccolta delle domande delle famiglie interessate al rientro è aperta fino a venerdì 5 giugno. La modalità di invio e le informazioni di dettaglio sono disponibili sul portale della scuola trentina. Approvate in data odierna le linee guida. Tra le novità l'avvio di una collaborazione con Fbk per la sperimentazione di soluzioni tecnologiche per rilevare il distanziamento, tracciare i movimenti e le interazioni

03 giugno - 20:07

Una persona ha manifestato i sintomi negli ultimi 5 giorni, mentre gli infetti non riguardano ospiti di Rsa o minorenni. Da inizio epidemia 5.437 casi e 467 decessi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato