Contenuto sponsorizzato

Perché quest’anno si trovano più zecche del solito nei prati o vicino ai boschi? Ma non tutte trasmettono malattie

Sembra che ce ne siano di più perché le variazioni di temperatura e di umidità frequenti nel mese di maggio le hanno costrette a muoversi in massa alla ricerca di soggetti da pungere
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 05 giugno 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Perché quest’anno si trovano più zecche del solito nei prati o vicino ai boschi? Risponde Annapaola Rizzoli della Fondazione Mach che si occupa di zecche o di malattie trasmesse all’uomo e agli animali dalla metà degli anni ’80.

 

Sembra che ce ne siano di più perché le variazioni di temperatura e di umidità frequenti nel mese di maggio le hanno costrette a muoversi in massa alla ricerca di soggetti da pungere.

 

In pratica le zecche erano più affamate. Il rinvenimento di una o più zecche su parti del corpo non significa trasmissione certa di malattia: borelliosi o malattia di Lime e encefalite virale.

 

Togliere al più presto dal corpo lo stiletto boccale dà maggiore garanzia. Ma va tenuto presente che a trasmettere la malattia sono solo le zecche portatrici del batterio e del virus.

 

Sono portatrici del batterio che causa la borreliosi il 10% delle zecche. Il dato scende a 0,01% per il virus dell’encefalite. Il numero di zecche infette non cambia molto da una stagione all’altra. Un aumento c’è stato lo scorso anno perché nel 2017 c’erano molti più topi portatori di agenti patogeni.

 

L’aumento di topi è stato attribuito alla maggiore presenza di semi  di faggio dei quali i topi selvatici si cibano. Ultima informazione: il vaccino protegge dall’encefalite virale, non dalla borreliosi. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 18:56

In valore assoluto i dati più alti si registrano nei centri più popolosi (che è quello che sarebbe dovuto succedere anche nella prima ondata) e quindi dei 390 casi totali ben 208 sono concentrati tra Trento (127), Rovereto (56), Pergine (15) e Riva del Garda (10)

31 ottobre - 18:21

Il presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, ha firmato le nuove ordinanze per i Comuni-Cluster valide per 14 giorni. Ai Comuni di Laives, Malles, Sarentino, Campo di Trens e Racines si aggiungono oggi anche Sluderno, Glorenza, Tubre, Gargazzone, Val di Vizze e Rasun-Anterselva

31 ottobre - 17:33

L’Azienda sanitaria ha comunque già attivato il piano di riorganizzazione degli ospedali per far fronte all’atteso aumento dei casi con sintomi e rinnova con forza la raccomandazione di rispettare la regola del distanziamento, l’igiene delle mani e l’uso della mascherina

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato