Contenuto sponsorizzato

Pioggia di milioni sull'agricoltura, ma poche risorse per il genoma editing

Un provvedimento a favore del miglioramento della viticoltura italiana anche tramite ricerche di genetica avanzata che fanno riferimento alla Cisgenesi e al Genoma editing
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 24 May 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Nel corso di un’intervista all’Informatore Agrario Riccardo Velasco già dirigente del Dipartimento di genomica alla Fondazione Mach, oggi direttore del Crea Veneto, ha fornito notizie sulla probabile ripartizione dei 21 milioni di euro stanziati 3 anni fa dal Ministro dell’agricoltura Maurizio Martina.

 

Un provvedimento a favore del miglioramento della viticoltura italiana anche tramite ricerche di genetica avanzata che fanno riferimento alla Cisgenesi e al Genoma editing.

 

Praticamente a questo settore andrà meno del 30%, corrispondente a 6,5 milioni di euro.

 

La cifra sarà inoltre suddivisa fra il Crea di Conegliano Veneto per 2,5 milioni di euro e gli altri Crea nazionali che si occupano solo in parte di viticoltura.

 

I due terzi dello stanziamento iniziale andranno sempre alla ricerca, ma in ambiti diversi dalla viticoltura

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 March - 11:51

Da circa un mese, e dopo aver entrambi sconfitto il Covid, Tonino e Loredana sono residenti della Rsa San Bartolomeo di Trento e ieri hanno brindato, grazie all’impeccabile supporto di Lara Bailoni (coordinatrice del nucleo) e di Alessandrina Beber (animatrice), con un bel mazzo di fiori e una grande torta da condividere con gli altri ospiti

09 March - 11:46

I laboratori dell'Azienda sanitaria nelle ultime 24 ore hanno effettuato 1.270 tamponi molecolari e registrati 65 nuovi casi. Inoltre 113 test antigenici sono risultati positivi. La variante sudafricana è stata trovata anche a Bolzano

09 March - 10:44

Le indagini sono iniziate con una mail arrivata alla Questura che conteneva alcune foto ritraenti una persona, senza che fosse ripresa in volto ma con indosso un braccialetto di metallo, con una pistola ed un coltello. Niglio: "Fondamentale la collaborazione dell' Università di Trento, che ha consentito alla Squadra Mobile di risalire in tempi rapidissimi all' identità dello studente"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato