Contenuto sponsorizzato

Prevenire le malattie degli anziani con una buona alimentazione

Alla Fondazione Mach è stato dato l’incarico di redigere entro 3 mesi un progetto di fattibilità con l’elenco dei filoni di ricerca da intraprendere mettendo insieme l’apporto scientifico di tutti gli enti o istituti dell'Argealp
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 11 novembre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Un centro di ricerca dedicato allo studio delle malattie degli anziani favorite dal tipo di alimentazione e dallo stile di vita è l’obiettivo che si sono posti i governatori dell’Argealp riuniti a Castel Toblino per una seduta di programmazione. Alla Fondazione Mach è stato dato l’incarico di redigere entro 3 mesi un progetto di fattibilità con l’elenco dei filoni di ricerca da intraprendere mettendo insieme l’apporto scientifico di tutti gli enti o istituti di ricerca esistenti nelle tre regioni di Argealp rappresentate da Trentino, Alto-Adige e Tirolo.

 

All’inizio del 2017 gli estensori del documento programmatico contano di sottoporre alle autorità committenti il piano operativo con relativo preventivo di spesa. L’iniziativa non parte da zero. Ricerche del tipo auspicato sono infatti in corso da qualche anno presso il Centro ricerche e innovazione della Fondazione Mach e di altri istituti. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 20:41

L'intervento della Pat si articola in due fasi. Critiche anche Uil e Nursing up: "Ci chiediamo dove siano finiti i finanziamenti economici aggiuntivi che la Provincia ha ricevuto in marzo e maggio dal governo di Roma per sanità e contrattazione, per non parlare poi dei 20 milioni già stanziati nelle finanziarie provinciali per il nuovo contratto del pubblico impiego 2019/2021 e poi soppressi"

25 maggio - 19:16

Ci sono 5.400 casi e 462 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 675 (315 letti da Apss e 360 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tampone a 0,15%

25 maggio - 18:12
I tamponi analizzati sono stati 675 per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 0,15%, il dato più basso da inizio epidemia. Un positivo nelle ultime 24 ore. Il Trentino si porta complessivamente a 5.400 casi e 462 decessi da inizio emergenza coronavirus
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato