Contenuto sponsorizzato

Quanti insetti vengono mangiati in un frutteto della Val di Non dagli uccelli? Ecco la stima con o senza insetticidi

Nel testo già predisposto di un libro di Sergio Abram si trova un progetto riguardante la collocazione di nidi artificiali nei 7 mila ettari di frutteto coltivati in Val di Non
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 05 marzo 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Nel testo già predisposto di un libro di Sergio Abram si trova un progetto riguardante la collocazione di nidi artificiali nei 7 mila ettari di frutteto coltivati in Val di Non.

 

Il naturalista altoatesino trapiantato nella Valle del Noce prende in considerazione le seguenti specie avicole: cinciallegra, cinciarella, passere, torcicollo, storno, upupa, pigliamosche, ballerina bianca, cuculo.

 

Basandosi su dati desunti dalla letteratura scientifica confermati personalmente, Abram calcola per ciascuna delle specie citate la quantità di cibo ingerita giornalmente, la presenza in giorni, il numero di covate, il numero medio di piccoli per ciascuna covata, il numero minimo di coppie presumibilmente presenti dopo 5 anni dalla presa di possesso dei nidi.

 

Sommando il potenziale di cibo ingurgitato dalle singole specie Abram arriva a 317.646 chili di insetti ingeriti totalmente.

 

Nell’ipotesi che i 7 mila ettari siano coltivati biologicamente, quindi senza fare ricorso a insetticidi chimici, il dato salirebbe a 850.982 chili.

 

Va precisato che le cifra si riferiscono al periodo compreso fra aprile e settembre di ogni anno successivo al quinquennio di progressivo insediamento delle specie nei nidi. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 17:45

Sale il numero dei pazienti in ospedale, stabile quello delle terapie intensive. Altri 2 decessi. Sono state registrate 7 dimissioni e 39 guarigioni nelle ultime 24 ore

24 gennaio - 17:44

Una tragica dimenticanza, un vuoto comunicativo che aggiorna ulteriormente il difficile bilancio dell'emergenza coronavirus in Trentino. Oggi il report riporta di altri 2 decessi, ma il totale sale a 726 vittime nella seconda ondata di Covid-19 e si porta a 1.196 morti da inizio epidemia a seguito di una verifica interna

24 gennaio - 16:51

Continua il balletto dell'amministrazione leghista sui proprietari di seconde case. A marzo prima si invitavano tutti a venire a sciare e poi con l'esplosione dell'epidemia li si minacciava di non curarli se non tornavano a casa loro. A dicembre Failoni e Fugatti garantivano la riapertura degli impianti (stanziando anche 5 milioni per l'innevamento che chissà dove sono finiti) e tornavano a invitarli mentre il 22 gennaio la nuova ''chiusura''. Le lettere di Arturo e Gianna: ''La differenza tra turista e proprietario di seconda casa? Se è così ottuso da non capirla, gliela spiego io''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato