Contenuto sponsorizzato

Quanti insetti vengono mangiati in un frutteto della Val di Non dagli uccelli? Ecco la stima con o senza insetticidi

Nel testo già predisposto di un libro di Sergio Abram si trova un progetto riguardante la collocazione di nidi artificiali nei 7 mila ettari di frutteto coltivati in Val di Non
Dal blog di Sergio Ferrari - 05 marzo 2019 - 13:14

Nel testo già predisposto di un libro di Sergio Abram si trova un progetto riguardante la collocazione di nidi artificiali nei 7 mila ettari di frutteto coltivati in Val di Non.

 

Il naturalista altoatesino trapiantato nella Valle del Noce prende in considerazione le seguenti specie avicole: cinciallegra, cinciarella, passere, torcicollo, storno, upupa, pigliamosche, ballerina bianca, cuculo.

 

Basandosi su dati desunti dalla letteratura scientifica confermati personalmente, Abram calcola per ciascuna delle specie citate la quantità di cibo ingerita giornalmente, la presenza in giorni, il numero di covate, il numero medio di piccoli per ciascuna covata, il numero minimo di coppie presumibilmente presenti dopo 5 anni dalla presa di possesso dei nidi.

 

Sommando il potenziale di cibo ingurgitato dalle singole specie Abram arriva a 317.646 chili di insetti ingeriti totalmente.

 

Nell’ipotesi che i 7 mila ettari siano coltivati biologicamente, quindi senza fare ricorso a insetticidi chimici, il dato salirebbe a 850.982 chili.

 

Va precisato che le cifra si riferiscono al periodo compreso fra aprile e settembre di ogni anno successivo al quinquennio di progressivo insediamento delle specie nei nidi. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 14:25

L'avventura con la loro società è iniziata circa tre anni fa. I due giovani della Vallagarina, Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava, hanno macinato moltissimi successi ed  hanno deciso di utilizzare il loro lavoro anche per aiutare i bambini. Per questo è iniziata la collaborazione con la fondazione Tog per la cura e la riabilitazione dei bambini con gravi patologie neurologiche

19 agosto - 16:01

Gettatosi da una falesia alta 10 metri a Torre dell'Orso, nel leccese, un giovane trentino si è lesionato la zona cervicale. Trasportato immediatamente all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, si attende di capire che danni possa aver riportato. Cauti i medici 

19 agosto - 06:01

Pubblichiamo in esclusiva dei dati molto significativi sul reale andamento della struttura della Val di Fiemme che smentiscono molto di quanto sentito sino ad oggi. Nel punto nascite si è eseguito nel 25% dei casi il taglio cesareo quando non ci sono emergenze e per  l'Organizzazione Mondiale della Sanità un tasso superiore al 15% è indicativo di ''un uso inappropriato della procedura'' motivato da ''carenze organizzative, medicina difensiva, (...) scarso supporto alla donna da parte del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato