Contenuto sponsorizzato

Quanti insetti vengono mangiati in un frutteto della Val di Non dagli uccelli? Ecco la stima con o senza insetticidi

Nel testo già predisposto di un libro di Sergio Abram si trova un progetto riguardante la collocazione di nidi artificiali nei 7 mila ettari di frutteto coltivati in Val di Non
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 05 marzo 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Nel testo già predisposto di un libro di Sergio Abram si trova un progetto riguardante la collocazione di nidi artificiali nei 7 mila ettari di frutteto coltivati in Val di Non.

 

Il naturalista altoatesino trapiantato nella Valle del Noce prende in considerazione le seguenti specie avicole: cinciallegra, cinciarella, passere, torcicollo, storno, upupa, pigliamosche, ballerina bianca, cuculo.

 

Basandosi su dati desunti dalla letteratura scientifica confermati personalmente, Abram calcola per ciascuna delle specie citate la quantità di cibo ingerita giornalmente, la presenza in giorni, il numero di covate, il numero medio di piccoli per ciascuna covata, il numero minimo di coppie presumibilmente presenti dopo 5 anni dalla presa di possesso dei nidi.

 

Sommando il potenziale di cibo ingurgitato dalle singole specie Abram arriva a 317.646 chili di insetti ingeriti totalmente.

 

Nell’ipotesi che i 7 mila ettari siano coltivati biologicamente, quindi senza fare ricorso a insetticidi chimici, il dato salirebbe a 850.982 chili.

 

Va precisato che le cifra si riferiscono al periodo compreso fra aprile e settembre di ogni anno successivo al quinquennio di progressivo insediamento delle specie nei nidi. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 giugno - 11:37

Voluto nel 2017 e finanziato con 2 milioni di euro, al progetto Spazio Argento (dedicato alla cura e all'assistenza degli anziani soprattutto a domicilio che in questi mesi sarebbe servito eccome) erano stati sottratti 1,5 milioni e si era ritardato con l'avvio trascinandolo fino a gennaio 2020. Con il coronavirus tutto si è fermato ma ora i sindacati esigono di essere coinvolti: ''Non è accettabile che una riforma di tale portata venga gestita senza il coinvolgimento e l'apporto di tutte le parti sociali, compresi i sindacati dei pensionati''

06 giugno - 06:03

Fugatti ha annunciato in conferenza stampa che la riapertura delle scuole materne sarà l'8 di giugno. Molte critiche sono arrivate dalla Federazione delle Scuole Materne che aveva impostato un programma di riaperture iniziando con delle realtà pilota nei mesi di luglio e agosto ma tutte le discussioni fatte anche con la Pat e l'assessorato sono saltate con l'annuncio del presidente

05 giugno - 15:26

Il "Conto rifugio" è l'ultimo prodotto finanziario lanciato sul mercato da Mediocredito, un'iniziativa che vuole raccogliere, proteggere e far rendere il risparmio e contestualmente iniettare sul tessuto trentino il credito necessario a sostenere e finanziarie infrastrutture e sviluppo del Trentino. Il direttore Pelizzari: ''Ottima risposta dai cittadini, prevediamo anche sportello fisico dedicato"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato