Contenuto sponsorizzato

Se le dighe "rubano" il letto alle trote in amore

Se lo spessore del deposito sabbioso è ridotto, le uova di trota rimangono negli strati superiori del deposito di sabbia e quindi sono facilmente predate dagli uccelli. Un team di esperti sta cercando di censire i siti ottimali
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 10 novembre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Censire i siti ottimali di frega delle trote nei torrenti del Trentino. E’ questo l’obiettivo che intende raggiungere l’ittiologo Leonardo Pontalti dell’Ufficio faunistico della Provincia di Trento che ha coinvolto nell’impresa gli addetti dei 9 distretti forestali del Trentino che si occupano di fauna ittica. Il numero dei siti di frega ottimali perché dotati di sufficiente ampiezza e profondità del substrato, dice l’esperto, è sempre più ridotto.

 

L’apertura delle dighe porta a valle la sabbia trattenuta dalla barriera artificiale. Viene quindi a mancare il materiale fine necessario per la formazione di siti adatti per la frega. Se lo spessore del deposito sabbioso è ridotto, le uova di trota rimangono negli strati superiori del deposito di sabbia e quindi sono facilmente predate dagli uccelli. L’ittiologo non esclude il ricorso al rifacimento di siti di frega con apporto di sabbia dall’esterno.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 settembre - 19:19

Nulla da fare per Roberto Valcanover che, sostenuto dal Patt, Coesione oltre l'ordinario e Fare comunità, si è fermato al 26%

22 settembre - 19:14

Parisi fuori dal ballottaggio per un soffio, dove si sfideranno il sindaco uscente Betta e Bernardi sostenuto dalla Destra. Il Pd sfiora il 18%, la Lega affonda al 10%. Sorprende la Civica Olivaia che raccoglie il oltre il 12% dei consensi

22 settembre - 18:37

Al terzo posto Marcello Carli, deludente per l'impegno profuso in campagna elettorale ma fermatosi di poco sopra il 5%. Un dato, comunque che doppia il Movimento 5 Stelle di Carmen Martini, intorno al 2,5% (cinque anni fa l'M5S aveva ottenuto l'8%) e anche Onda Civica di Filippo Degasperi che supera di poco gli ex colleghi di partito

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato