Contenuto sponsorizzato

Se le dighe "rubano" il letto alle trote in amore

Se lo spessore del deposito sabbioso è ridotto, le uova di trota rimangono negli strati superiori del deposito di sabbia e quindi sono facilmente predate dagli uccelli. Un team di esperti sta cercando di censire i siti ottimali
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 10 novembre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Censire i siti ottimali di frega delle trote nei torrenti del Trentino. E’ questo l’obiettivo che intende raggiungere l’ittiologo Leonardo Pontalti dell’Ufficio faunistico della Provincia di Trento che ha coinvolto nell’impresa gli addetti dei 9 distretti forestali del Trentino che si occupano di fauna ittica. Il numero dei siti di frega ottimali perché dotati di sufficiente ampiezza e profondità del substrato, dice l’esperto, è sempre più ridotto.

 

L’apertura delle dighe porta a valle la sabbia trattenuta dalla barriera artificiale. Viene quindi a mancare il materiale fine necessario per la formazione di siti adatti per la frega. Se lo spessore del deposito sabbioso è ridotto, le uova di trota rimangono negli strati superiori del deposito di sabbia e quindi sono facilmente predate dagli uccelli. L’ittiologo non esclude il ricorso al rifacimento di siti di frega con apporto di sabbia dall’esterno.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 06:01

Ci auguriamo che non ci sia una ''prossima volta'' parlando di epidemie e che quindi questa sia solo un'uscita infelice di Segnana, l'attacco a un organismo professionale che in questi mesi non si è risparmiato per cercare di risolvere le criticità, senza magari tutti quegli elementi in mano alla task force e l'esecutivo, appare davvero ingeneroso

25 maggio - 10:21

Drammatico incidente sulla strada provinciale 53, dove un 55enne è deceduto in seguito alle gravi ferite riportate. Inutili i tentativi dei sanitari di rianimarlo

25 maggio - 09:52

Sul posto è atterrato anche l'elicottero e ci sono due ambulanze. E' intervenuto il medico rianimatore. Secondo le primissime informazioni ci sono tre feriti 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato