Contenuto sponsorizzato

Se le dighe "rubano" il letto alle trote in amore

Se lo spessore del deposito sabbioso è ridotto, le uova di trota rimangono negli strati superiori del deposito di sabbia e quindi sono facilmente predate dagli uccelli. Un team di esperti sta cercando di censire i siti ottimali
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 10 novembre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Censire i siti ottimali di frega delle trote nei torrenti del Trentino. E’ questo l’obiettivo che intende raggiungere l’ittiologo Leonardo Pontalti dell’Ufficio faunistico della Provincia di Trento che ha coinvolto nell’impresa gli addetti dei 9 distretti forestali del Trentino che si occupano di fauna ittica. Il numero dei siti di frega ottimali perché dotati di sufficiente ampiezza e profondità del substrato, dice l’esperto, è sempre più ridotto.

 

L’apertura delle dighe porta a valle la sabbia trattenuta dalla barriera artificiale. Viene quindi a mancare il materiale fine necessario per la formazione di siti adatti per la frega. Se lo spessore del deposito sabbioso è ridotto, le uova di trota rimangono negli strati superiori del deposito di sabbia e quindi sono facilmente predate dagli uccelli. L’ittiologo non esclude il ricorso al rifacimento di siti di frega con apporto di sabbia dall’esterno.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 19:50

Sono 462 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 179 positivi a fronte dell'analisi di 3.403 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,3%

25 novembre - 16:18

Nuovo corso e anche nuova sede: terminati i lavori di ristrutturazione, Palazzo Consolati ha aperto le sue porte agli studenti e alle studentesse che da poche settimane hanno iniziato a frequentare le lezioni. Oggi, mercoledì 25 novembre, in una cerimonia e conferenza stampa online è stato inaugurato il corso di Medicina e Chirurgia dell'Università di Trento

25 novembre - 19:33

Il Comune di Grigno vuole offrire la possibilità a tutti i 2200 abitanti di fare il tampone, ora si attente il via libera della Provincia. Il sindaco Voltolini: “Abbiamo già uno spazio e la disponibilità di medici e infermieri volontari, basta che ci mandino i test necessari. Lo screening di massa? Strumento fondamentale per la gestione della pandemia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato