Contenuto sponsorizzato

Tregua biologica nei castagneti del Trentino

La mosca galligena del castagno sembra sia sotto controllo grazie al parassitoide Torymus sinensis liberato dagli entomologi della Fondazione Mach
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 28 aprile 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Mosca galligena del castagno controllata dal parassitoide Torymus sinensis liberato nei castagneti del Trentino dagli entomologi della Fondazione Mach. Questa è cronaca di alcuni giorni fa. Quando le malformazioni (galle) dei germogli causate dalle larve della vespa galligena presenti all’interno delle gemme provocavano danni a carico della chioma ma anche della produzione.

 

Oggi il controllo delle galle, dice Federico Pedrazzoli dell’Unità diagnostica della Fondazione Mach, si fa solo se arrivano segnalazioni dal territorio. La situazione si può definire in equilibrio. Ciò significa che fitofago e parassitoide sono ancora presenti ma in numero ridotto. Lo zero biologico, cioè la scomparsa della mosca galligena, comporterebbe l’estinzione anche del parassitoide che non troverebbe più vittime da parassitizzare.

 

In altre regioni d’Italia la vespa galligena è ancora un problema.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 maggio - 06:01

Per ogni settore, per ogni assessorato, per ogni ambito, per ogni tema da affrontare la giunta leghista ha creato, crea e probabilmente creerà una specifica ''task force'' sempre annunciata con squilli di trombe e della quale, il più delle volte, poi non si ha più notizia. Ora potrebbe arrivare la task force che vigila le task force

27 maggio - 19:23

Asili nido aperti dall’8 giugno? Il comune di Trento e i sindacati avvertono: “Apertura solo con linee guida chiare e coinvolgendo genitori e insegnanti, no alle fughe in avanti”. L'assessora: “Al momento, disponendo solo di un documento provvisorio, non ci sono le condizioni per garantire la riapertura”

27 maggio - 20:52

In quanto presidi della montagna i rifugi avranno l’obbligo di apertura dal 20 giugno al 20 settembre. Quindi sarà dovere essere aperti, per garantire fruibilità al sistema turistico. Il vademecum informativo che permette di disciplinare l'accesso ai rifugi questa estate e che rappresenta la garanzia di sicurezza per escursionisti ed operatori

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato