Contenuto sponsorizzato

Tregua biologica nei castagneti del Trentino

La mosca galligena del castagno sembra sia sotto controllo grazie al parassitoide Torymus sinensis liberato dagli entomologi della Fondazione Mach
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 28 aprile 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele. Ha vinto la Penna d'Oro nel 1988

Mosca galligena del castagno controllata dal parassitoide Torymus sinensis liberato nei castagneti del Trentino dagli entomologi della Fondazione Mach. Questa è cronaca di alcuni giorni fa. Quando le malformazioni (galle) dei germogli causate dalle larve della vespa galligena presenti all’interno delle gemme provocavano danni a carico della chioma ma anche della produzione.

 

Oggi il controllo delle galle, dice Federico Pedrazzoli dell’Unità diagnostica della Fondazione Mach, si fa solo se arrivano segnalazioni dal territorio. La situazione si può definire in equilibrio. Ciò significa che fitofago e parassitoide sono ancora presenti ma in numero ridotto. Lo zero biologico, cioè la scomparsa della mosca galligena, comporterebbe l’estinzione anche del parassitoide che non troverebbe più vittime da parassitizzare.

 

In altre regioni d’Italia la vespa galligena è ancora un problema.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 ottobre - 12:38

L'ex assessore è intervenuto sulle affermazioni del critico d'arte rilasciate a "L'aria che tira" il programma condotto da Myrta Merlino su La7, la replica del presidente del Mart: "Sono opinioni personali e non è necessario che gli piacciano, anche perché è una nullità e non serve che mi faccia la morale"

18 ottobre - 06:01

Dopo lo scontro dei giorni scorsi, non si fermano le polemiche. Il consigliere provinciale Alex Marini ha pubblicato su facebook la notizia che verrà querelato per le dichiarazioni alla stampa sul collega ed altri. Filippo Degasperi risponde, non risparmiando critiche per l'atteggiamento e i diversi punti sollevati dall'intervista incriminata. E chiede ironico: "Ma chi è, Savonarola?"

18 ottobre - 11:08

Ieri pomeriggio il ragazzo era alla guida del suo furgone quando ad un certo punto è finito contro un tir che lo precedeva. Uno scontro violentissimo che non ha lasciato scampo al giovane 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato