Contenuto sponsorizzato

Un altro focolaio di lingua blu nel Trentino orientale

Dopo i casi segnalati in Val di Non anche degli ovini delle zone confinanti con il bellunese sono risultate affette dalla malattia. L’azienda per i servizi sanitari della Provincia di Trento sta provvedendo all’acquisto delle dosi necessarie del vaccino monovalente
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 03 novembre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Dopo il primo focolaio di lingua blu riscontrato su pecore della Val di Non, altri casi sono stati trovati nel Trentino orientale, che confina con la provincia di Belluno, fortemente colpita dalla malattia di origine virale. La situazione è stata segnalata al Ministero della sanità che ha incluso il Trentino nell’elenco delle aree di restrizione. La vaccinazione di ovini, caprini e bovini è diventata obbligatoria.

 

L’azienda per i servizi sanitari della Provincia di Trento sta provvedendo all’acquisto delle dosi necessarie del vaccino monovalente specifico per il sierotipo 4. L’operazione richiederà molti mesi. L’immunizzazione richiede 3 settimane negli ovi-caprini ed una sola vaccinazione. I bovini devono invece essere vaccinati due volte. Si dovrà tenere conto anche del momento stagionale. Con il freddo cessa infatti il volo delle zanzare che sono vettrici del virus.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 06:01

Ci auguriamo che non ci sia una ''prossima volta'' parlando di epidemie e che quindi questa sia solo un'uscita infelice di Segnana, l'attacco a un organismo professionale che in questi mesi non si è risparmiato per cercare di risolvere le criticità, senza magari tutti quegli elementi in mano alla task force e l'esecutivo, appare davvero ingeneroso

24 maggio - 20:04

A lanciare l'allarme è stato il consigliere comunale di Trento, Paolo Serra: "Siamo ancora in emergenza, sono centinaia quelli che rischiano di finire in strada e a rischio contagio''

24 maggio - 19:57

E' successo a Breguzzo, in riva al Lago di Garda. A denunciare l'accaduto l'ex presidente della Pro Loco Lorena Pinamonte: ''È accaduto che nei giorni scorsi, una persona non identificata, giorno dopo giorno, abbia preso a sassate la cigna e le uova, che di volta in volta sono state tutte rotte, arrivando alla macabra fine''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato