Contenuto sponsorizzato

Un fungo per uccidere le piante di ailanto, specie invasiva in Trentino e Alto Adige

Gli esperti dell’unità Protezione delle piante agroforestali della Fondazione Mach nel corso della stagione 2018 hanno studiato alcuni casi di deperimento di piante di ailanto. Da un’indagine informativa e in parte anche diretta sul campo compiuta in varie zone del Trentino e dell’Alto Adige è risultato che l’infezione da Verticillium era presente in una quarantina di siti
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 05 febbraio 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Gli esperti dell’unità Protezione delle piante agroforestali della Fondazione Mach nel corso della stagione 2018 hanno studiato alcuni casi di deperimento di piante di ailanto e stabilito che la morte delle piante erano colpite da un fungo del genere Verticillium.

 

Da un’indagine informativa e in parte anche diretta sul campo compiuta in varie zone del Trentino e dell’Alto Adige è risultato che l’infezione da Verticillium era presente in una quarantina di siti.

 

Gli esperti sperano di poter utilizzare il fungo per eliminare le piante di ailanto, specie fortemente invasiva e difficilmente eliminabile con i tradizionali mezzi e metodi di contenimento.

 

L’ipotesi è però inficiata dalla possibilità che il fungo possa aggredire anche piante coltivate

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 12:19

Gli autonomisti presentano una mozione per aderire al Manifesto della comunicazione non ostile: “In questo periodo di forte conflittualità è tempo di arginare la dilagante violenza verbale che coinvolge anche alcuni esponenti della politica, speriamo che la nostra proposta venga condiviso anche dalla Giunta”

27 febbraio - 16:23

Il giovane stava lavorando nei boschi di Campo Tures con il padre. Troppo gravi le sue ferite, è morto nel primo pomeriggio all'ospedale di Brunico 

27 febbraio - 12:59

Il riscaldamento globale sta creando più guai del previsto. Circa un terzo del carbonio presente sul pianeta, intrappolato nel Mar Glaciale Artico sotto forma di metano e anidride carbonica, minaccia di liberarsi in atmosfera

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato