Contenuto sponsorizzato

Una fecondazione assistita per le trote della specie lacustre

Avvalendosi di elettropesca, gli addetti hanno catturato alcuni esemplari di trota, maschio e femmina, dai quali sono state spremute uova e materiale seminale
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 06 dicembre 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Il 23 novembre gli ittiologi dell’Ufficio caccia e pesca della Provincia di Trento hanno coordinato un’operazione di fecondazione assistita di trote della specie lacustre che dal lago di Garda risalivano il torrente Sarca per deporre le uova a monte del lago.

 

Avvalendosi di elettropesca, gli addetti hanno catturato alcuni esemplari di trota, maschio e femmina, dai quali sono state spremute uova e materiale seminale. La fecondazione è avvenuta in vaschette riempite d’acqua. Le uova fecondate sono state portate nell’incubatoio di Dro gestito dall’Associazione pescatori dilettanti Basso Sarca. In primavera le uova embrionate saranno trasferite in telaini di lamiera forate denominate scatole Vibert che saranno collocate nello stesso torrente Sarca ma in tratti ritenuti adatti al loro sviluppo. Questi siti si trovano a monte di briglie che le trote da sole non riescono a superare. Gli esemplari catturati per la fecondazione sono stati rimessi in acqua.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 marzo - 05:01

Nei giorni scorsi ha chiuso il punto vendita Gaudì, uno dei principali negozi di abbigliamento in centro storico a Trento. Ma ci sono anche altre catene, di abbigliamento e arredamento, che potrebbero essere pronte a fare le valige nei prossimi mesi. Massimo Piffer: ''Non dobbiamo abbandonare la piazza, i rapporti umani e i confronti. Abbiamo bisogno di una riprogrammazione urbanistica commerciale''

04 marzo - 08:05

E' successo del vicentino e due hanno ricevuto una multa perché sparavano dalla strada e una denuncia penale per caccia in periodo di divieto

03 marzo - 15:54

Il consiglio provinciale ha votato favorevolmente all'iniziativa dell'ex assessore alla salute ma ha respinto la richiesta di sgravare l'ospedale Santa Chiara dalle incombenze Covid spostando i pazienti in alcuni ospedali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato