Contenuto sponsorizzato

In Val di Non focolaio di lingua blu. A rischio soprattutto le pecore

La malattia virale che colpisce nell’ordine ovini, caprini e bovini si pensava sarebbe apparsa prima nel Trentino Orientale (più vicino al bellunese dove è già presente). Il Ministero della salute sta valutando il da farsi. E' probabile si dovranno vaccinare gli animali
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 17 October 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Un focolaio di lingua blu, malattia virale che colpisce nell’ordine ovini, caprini e bovini (si legga questo documento della regione Piemonte che spiega tutto) è stato individuato in Val di Non. Il servizio veterinario dell’Azienda per i servizi sanitari della Provincia di Trento attendeva che la malattia comparisse prima nel Trentino orientale, cioè nel Primiero e in Bassa Valsugana che confinano con la provincia di Belluno nella quale sono presenti numerosi focolai.

 

Il caso è stato subito segnalato al Ministero della salute che a breve impartirà le direttive per impedire la diffusione della malattia. E’ probabile che si debbano vaccinare non solo le pecore particolarmente sensibili alla malattia, ma anche i bovini.

 

Questi sono animali asintomatici, cioè non manifestano i sintomi della malattia neppure a carico della lingua che si ingrossa e cambia colore. Essi fungono però da serbatoi del virus. Il vettore è rappresentato da varie specie di zanzara. In mancanza di vaccinazione, la normativa vieta la movimentazione di bovini fuori da un cerchio di 4 chilometri intorno alla stalla focolaio.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 March - 08:08

Ieri sera il Consiglio di amministrazione di Upipa ha di fatto sfiduciato la presidente Francesca Parolari. All'origine della frattura la mancata comunicazione al Cda del progetto che ha portato alla riapertura delle visite ai famigliari in 5 Rsa. La presidente rivendica l'autonomia delle strutture

09 March - 09:34

Altri 9 nuovi casi di variante sudafricana sono stati rilevati in Alto Adige. A comunicarlo è l'Azienda sanitaria altoatesina, che ne annuncia il rilevamento anche nel capoluogo

09 March - 08:52

Lo ha ammesso il giovane dopo il ritrovamento del corpo della madre nelle acque dell'Adige. Tutta la vicenda è iniziata il 4 gennaio a seguito di una discussione, il giovane ha ucciso prima il padre e poi la madre 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato