Contenuto sponsorizzato

Vendita del legname schiantato nella tempesta Vaia, poteva andare peggio

Siamo certamente lontani dai prezzi precedenti all'evento calamitoso, ma i prezzi del legname recuperato da boschi schiantati dal vento di fine ottobre 2018 sono da considerare buoni rispetto alle aspettative iniziali
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 09 aprile 2019

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

I prezzi del legname recuperato da boschi schiantati dal vento di fine ottobre 2018 sono da considerare buoni rispetto alle aspettative iniziali, dice Claudio Maurina già presidente delle’ordine dei dottori agronomi e forestali della Provincia di Trento e da un anno consulente della Cciaa per la gestione delle vendite di legname on-line.

 

Una ditta di Udine ha acquistato 15 mila metri cubi di legname da tagliare o recuperare per 470 mila euro (33 euro a metro cubo).

 

In altre regioni con boschi dissestati si sta vendendo legname da lavorare al prezzo di 6 euro a metro cubo.

 

Siamo certamente lontani dai prezzi precedenti all’evento calamitoso.

 

Rispetto ai 3 milioni di metri cubi di schianti stimati in Trentino, abbiamo già movimentato e in parte collocato o assegnato 1,5 milioni di metri cubi di legname. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.03 del 10 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 17:45

Le fermentazioni regolari, hanno dato origine a vini puliti, con intensi profumi fruttati, strutturati, con ottime acidità fisse e bassi tenori di acidità volatile. Si evidenziano punte di eccellenza nei vini rossi medio-tardivi (Teroldego). La cimice asiatica ha colonizzato tutti gli areali della provincia ma sulle viti non si segnalano particolari danni (usate per l'ovodeposizione)

10 dicembre - 20:01

Sui segretari comunali è scontro Lega-Pd: se da un lato Fugatti parla di una norma “che permetterà alle amministrazioni locali di lavorare”, i Dem accusano: “Ancora una volta si dimostra il più totale disprezzo verso le Istituzioni trentine”

10 dicembre - 16:44

Ponti, viadotti e cavalcavia in Trentino sono costantemente monitorati. La PAT si è dotata già dal 2002 di un sistema informatizzato denominato BMS "Bridge Management System"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato