Contenuto sponsorizzato

Vendita del legname schiantato nella tempesta Vaia, poteva andare peggio

Siamo certamente lontani dai prezzi precedenti all'evento calamitoso, ma i prezzi del legname recuperato da boschi schiantati dal vento di fine ottobre 2018 sono da considerare buoni rispetto alle aspettative iniziali
Dal blog di Sergio Ferrari - 09 aprile 2019 - 22:13

I prezzi del legname recuperato da boschi schiantati dal vento di fine ottobre 2018 sono da considerare buoni rispetto alle aspettative iniziali, dice Claudio Maurina già presidente delle’ordine dei dottori agronomi e forestali della Provincia di Trento e da un anno consulente della Cciaa per la gestione delle vendite di legname on-line.

 

Una ditta di Udine ha acquistato 15 mila metri cubi di legname da tagliare o recuperare per 470 mila euro (33 euro a metro cubo).

 

In altre regioni con boschi dissestati si sta vendendo legname da lavorare al prezzo di 6 euro a metro cubo.

 

Siamo certamente lontani dai prezzi precedenti all’evento calamitoso.

 

Rispetto ai 3 milioni di metri cubi di schianti stimati in Trentino, abbiamo già movimentato e in parte collocato o assegnato 1,5 milioni di metri cubi di legname. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 13:32

Oggi è il 25 aprile e Salvini si è dimostrato ancora una volta ambiguo rispetto a questa ricorrenza dando, in questo modo un segnale al suo popolo e alla sua classe dirigente che continua a ritenerlo infallibile nonostante le continue retromarce (dal numero di immigrati clandestini all'aumento delle accise). Addirittura consigliere provinciali si fanno le foto con a fianco la sua immagine come fosse una guida spirituale

25 aprile - 16:38

Non va più bene nemmeno che le oche facciano i loro bisogni nel loro habitat naturale, su dei prati in riva al lago: Oss Emer ha già emesso un'ordinanza per farle rimuovere e portare in una fattoria vicina. Wwf, Lipu, Pan - Eppaa e Legambiente: ''Pronte a ricorrere in sede giuridica. Quelle oche selvatiche sono nate in natura e si recano su quei prati essenzialmente in inverno quindi non creano problemi al turismo'' 

25 aprile - 16:14

Un'auto nell'affrontare una curva prima dell'abitato di Nogarè ha stretto troppo la traiettoria per uscire di strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato