Contenuto sponsorizzato

Vendita del legname schiantato nella tempesta Vaia, poteva andare peggio

Siamo certamente lontani dai prezzi precedenti all'evento calamitoso, ma i prezzi del legname recuperato da boschi schiantati dal vento di fine ottobre 2018 sono da considerare buoni rispetto alle aspettative iniziali
Dal blog di Sergio Ferrari - 09 aprile 2019 - 22:13

I prezzi del legname recuperato da boschi schiantati dal vento di fine ottobre 2018 sono da considerare buoni rispetto alle aspettative iniziali, dice Claudio Maurina già presidente delle’ordine dei dottori agronomi e forestali della Provincia di Trento e da un anno consulente della Cciaa per la gestione delle vendite di legname on-line.

 

Una ditta di Udine ha acquistato 15 mila metri cubi di legname da tagliare o recuperare per 470 mila euro (33 euro a metro cubo).

 

In altre regioni con boschi dissestati si sta vendendo legname da lavorare al prezzo di 6 euro a metro cubo.

 

Siamo certamente lontani dai prezzi precedenti all’evento calamitoso.

 

Rispetto ai 3 milioni di metri cubi di schianti stimati in Trentino, abbiamo già movimentato e in parte collocato o assegnato 1,5 milioni di metri cubi di legname. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 giugno - 15:21
La comitiva si sarebbe costruita una teleferica in autonomia e dopo aver ancorato i cavi agli alberi avrebbero tentato di utilizzare la loro creazione. Il gruppo di tedeschi non avrebbe fatto i conti con un albero marcio e così la teleferica ha ceduto
16 giugno - 18:26

Vendute a Dubai, Mumbai, Miami ma nate e prodotte ad Arco dalla Vetrogiardini hanno portato Sandro Santoni e Luca Degara a Roma per la Festa della Repubblica sono state inserite fra i 32 oggetti di design che rappresentano il genio e l’eccellenza italiana

16 giugno - 17:14

E' il 2 ottobre 1922 e le squadracce fasciste invadono le aule del municipio di Bolzano apponendo nella sala consiliare il busto di Vittorio Emanuele III re d’Italia. Per il Trentino s’apre un’epoca di insofferenza verso la mancata autonomia, l’Alto Adige finisce per trasformarsi in un ''laboratorio d’Italia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato