Contenuto sponsorizzato

Vespa galligena del castagno, presenza sotto soglia di danno

In termini pratici significa che la vespa galligena non è scomparsa dai castagneti del Trentino, ma risulta raggiunto l'equilibrio grazie al parassitoide Torymus sinensis
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 09 novembre 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Non è corretto sul piano tecnico dire che in Trentino il cinipide (vespa galligena) del castagno è stato debellato grazie alla diffusione da parte dei tecnici di S.Michele del parassitoide Torymus sinensis.

 

Lo afferma Federico Pedrazzoli che fa parte del gruppo di ricercatori della Fondazione Mach che si occupano di avversità del castagno. Si deve parlare di equilibrio raggiunto fra due componenti biologiche dell’ecosistema castagneto.

 

In termini pratici significa che la vespa galligena non è scomparsa dai castagneti del Trentino, ma risulta presente al di sotto della soglia di danno grazie all’azione di contenimento esercitata dal parassitoide Torymus sinensis. 

Ultima edizione
Edizione del 19 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 gennaio - 19:59
Trovati 2.669 positivi, 3 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 2.449 guarigioni. Sono 165 i pazienti in ospedale. Tutti i Comuni sul [...]
Cronaca
20 gennaio - 20:40
"La mafia quando arriva in un territorio ne uccide la bellezza e anche le relazioni'' spiega a ilDolomiti l'avvocata e vicepresidente nazionale di [...]
Cronaca
20 gennaio - 18:36
La tragedia è avvenuta al lago di Santa Giustina. Vani i tentativi dei soccorsi. Fatale un malore per Marco Widmann di 65 anni
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato