Contenuto sponsorizzato

Vini mitici e prezzi alti, filosofia e segreti francesi contro le divisioni trentine

Alcuni vini francesi sono considerati oltre il reale valore, anche il Trentino potrebbe offrire vini e spumanti di alto livello, ma si ferma sempre prima
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 29 maggio 2018

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Il numero 1/2018 di Economia Trentina, rivista trimestrale della CCIAA di Trento, ospita un interessante articolo di Francesco Spagnolli intitolato “Qualità del vino e filosofia del mito”.

 

Avvalendosi di una ricca bibliografia, ma soprattutto di esperienze vissute in Francia, l’autore ripercorre la storia dei vini Crù provenienti dai mitici Chateaux della Borgogna.

 

Considerati mitici e pagati a prezzi oggettivamente superiori alle effettive qualità e resi tali non solo dalla natura dei terrei e del clima ma anche dalla compattezza dei produttori francesi nel valorizzare senza riserve il loro prestigiosi vini.

 

A prescindere alla grandezza e notorietà dell’azienda.

 

La conclusione dell’articolo è schietta quanto amara: anche il Trentino potrebbe offrire vini e spumanti di alto livello. Ma c’è purtroppo chi dimostra di non credere al mito e persegue interessi aziendali. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 19:34

I positivi totali di oggi sono 341 mentre i decessi sono 2 che portano il totale, da inizio epidemia a 1271 morti, 821 solo da settembre in questa seconda ondata di Covid-19. Ecco la mappa del contagio da Trento ad Ala da Pergine a Rovereto

27 febbraio - 20:20

Sono tante le voci che sabato 27 febbraio, in piazza Santa Maria, hanno ricordato Deborah Saltori, 42enne di Vigo Meano uccisa dall’ex marito. Non bisogna parlare di violenza solamente a posteriori, hanno ricordato le persone che hanno preso la parola in piazza. È necessario insistere sulla rieducazione degli uomini maltrattanti, ma anche sull’educazione dei ragazzi. “Chiediamo che i percorsi di educazione alle relazioni di genere siano riattivati”, ha domandato l’insegnante Maria Giovanna Franch, ma dalla giunta nessuna risposta

27 febbraio - 17:44

Dei nuovi positivi, 6 hanno tra 0-2 anni, 11 tra 3-5 anni, 24 tra 6-10 anni, 8 tra 11-13 anni, 19 tra 14-19 anni e 49 di 70 e più anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato