Contenuto sponsorizzato

Vino fatto in casa? Ecco i "trucchi" per renderlo migliore

Se il vino risulta ancora un po’ dolce, si deve riscaldare la cantina o procedere ad un travaso del vino all’aria
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 03 dicembre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Anche il vino fatto in casa con uve proprie del viticoltore o acquistate da terzi può richiedere interventi correttivi. Luciano Groff, consulente enologico della Fondazione Mach, accenna a due situazioni frequenti e suggerisce gli interventi da adottare. Se il vino rosso ad oltre un mese dalla vendemmia risulta ancora acerbo, significa che la trasformazione dell’acido malico in acido lattico che lo rende più gradevole non si è ancora completata.

 

Si deve rinviare pertanto l’eventuale aggiunta di bisolfito al vino che bloccherebbe l’attività dei batteri malolattici. Se invece il vino risulta ancora un po’ dolce, si deve riscaldare la cantina o procedere ad un travaso del vino all’aria. Il contatto con l’ossigeno risveglia le cellule dei lieviti ancora vive che completeranno la fermentazione dello zucchero residuo. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 settembre - 05:01

Parole dure, quella della massima carica della Lega in provincia di Trento. Parole da fine stratega che bolla Caramaschi ''comunista'' e ricorda che il tempo dei ''doppi giochi è finito'' dimenticandosi del fatto che a Riva del Garda pur di avere qualche speranza di vittoria e per poter dire ''beh almeno lì ce l'abbiamo fatta'' la sua Lega sta facendo di tutto (leggasi accordi per cariche) per accaparrarsi Malfer e il Patt 

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato