Contenuto sponsorizzato

Vino fatto in casa? Ecco i "trucchi" per renderlo migliore

Se il vino risulta ancora un po’ dolce, si deve riscaldare la cantina o procedere ad un travaso del vino all’aria
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 03 dicembre 2016

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Anche il vino fatto in casa con uve proprie del viticoltore o acquistate da terzi può richiedere interventi correttivi. Luciano Groff, consulente enologico della Fondazione Mach, accenna a due situazioni frequenti e suggerisce gli interventi da adottare. Se il vino rosso ad oltre un mese dalla vendemmia risulta ancora acerbo, significa che la trasformazione dell’acido malico in acido lattico che lo rende più gradevole non si è ancora completata.

 

Si deve rinviare pertanto l’eventuale aggiunta di bisolfito al vino che bloccherebbe l’attività dei batteri malolattici. Se invece il vino risulta ancora un po’ dolce, si deve riscaldare la cantina o procedere ad un travaso del vino all’aria. Il contatto con l’ossigeno risveglia le cellule dei lieviti ancora vive che completeranno la fermentazione dello zucchero residuo. 

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 giugno - 09:52
Il piccolo si è sentito male dopo la pappa con continuo vomito e una reazione sul corpo. L'acquisto dell'omogeneizzato era stato fatto in un [...]
Cronaca
18 giugno - 10:18
Il meteorologo Dieter Peterlin: "La stazione meteorologica di Colma ha misurato quasi 70 litri di precipitazioni per metro quadrato. Sono [...]
Montagna
17 giugno - 16:20
Sono iniziati i lavori per far tornare il ghiacciaio del Presena 'sotto le coperte', in un ambiente protetto che riduce la fusione del ghiaccio del [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato