Contenuto sponsorizzato

Vivai viticoli, 7,5 milioni di innesti messi a dimora, per 5 milioni di barbatelle. Il problema? il legno da portainnesto

E’ in corso la cimatura delle barbatelle per assecondare la lignificazione. La cooperativa Vivai di Padergnone sta raccogliendo ordini di barbatelle per la prossima stagione.
DAL BLOG
Di Sergio Ferrari - 12 ottobre 2017

 Laureato in Scienze Agrarie all'Università di Padova, dal 1961 al 1994 è stato docente all'Istituto Agrario di San Michele

Claudio Todeschini non lavora più per la Cooperativa Vivai di Padergnone dove ha svolto per anni il ruolo di direttore tecnico. Lo sostituisce, per il servizio di consulenza ai viticoltori-vivaisti soci della cooperativa, l’enologo Michele Paris. Egli fornisce alcune informazioni sullo stato dei vivai situati in prevalenza nel Veneto. Dai 7,5 milioni di innesti messia dimora nella tarda primavera si conta di ricavare circa 5 milioni di barbatelle.

 

La resa inferiore alla media risente della non eccellente qualità del materiale di partenza, in particolare del legno da portainnesto acquistato da vivaisti esterni al Trentino. Nessun problema fitosanitario ha destato preoccupazione nel corso della stagione. Oltre ai normali trattamenti antiperonosporici sono stati effettuati due interventi con insetticidi contro la cicalina vettrice del micoplasma che causa la Flavescenza dorata. Qualche rosura alle foglie hanno provocato gli adulti di maggiolino.

 

E’ in corso la cimatura delle barbatelle per assecondare la lignificazione. La cooperativa sta raccogliendo ordini di barbatelle per la prossima stagione. Riguardano soprattutto barbatelle di Prosecco (Glera), Pinot grigio e Chardonnay e provengono da Veneto e Friuli. Sarebbe opportuno che anche i viticoltori trentini anticipassero l’ordinazione di materiale per la prossima primavera. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 05:01

I sindacati Cgil, Cisl e Uil: "Chi chiedeva trasparenza e azioni concrete per contenere il contagio veniva accusato, mentre in realtà voleva solo preservare il territorio. Com'è che diceva il presidente Maurizio Fugatti? 'E poi si tira la riga e si vede il risultato'. Eccolo purtroppo". Zanella (Futura): "Giudizio impietoso. E non interessa del personale al collasso, mica c'è lui a riorganizzare e farsi turni massacranti"

06 marzo - 20:03
Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 4 decessi. Sono 84 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività
06 marzo - 20:03

L'estate scorsa ci sono voluti 40 giorni in più rispetto agli altri anni per dare semaforo verde a questo servizio fondamentale e in quel lasso di tempo erano, purtroppo, morte affogate nei laghi trentini quattro persone. Questa volta si è giocato in anticipo, già disposto il dislocamento estivo dei sub direttamente all'eliporto Caproni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato