Contenuto sponsorizzato

Zone del Trentino adatte alla Nosiola, drastico calo di produzione in alcune aree

Se il Pinot grigio assicura un reddito di 20.000/ettaro all’anno e il Nosiola arriva solo a 15.000, nell’arco di 20 anni il viticoltore perde o guadagna 100.000 euro
Dal blog di Sergio Ferrari - 07 aprile 2019 - 21:46

Il vitigno Nosiola nel territorio collinare del distretto viticolo che fa capo alla Cantina Vivallis di Nogaredo assicurava fino a non molti anni fa il conferimento di 3 mila quintali di uva, oggi ridotti a 300.

 

Roberto Menegoni, già consulente viticolo di Vivallis, spiega il motivo di un calo così consistente.

 

Se il Pinot grigio assicura un reddito di 20.000/ettaro all’anno e il Nosiola arriva solo a 15.000, nell’arco di 20 anni il viticoltore perde o guadagna 100.000 euro.

 

Le zone adatte alla Nosiola (media collina, terreni magri) esistono anche nel territorio che fa capo a Vivallis.

 

Nelle stesse oasi vengono bene anche i vitigni Chardonnay e Traminer aromatico che rendono di più in termini contabili.

 

Fino a 200 euro a quintale per il Traminer aromatico con resa massima di 120 quintali di uva a ettaro. 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 giugno - 15:21
La comitiva si sarebbe costruita una teleferica in autonomia e dopo aver ancorato i cavi agli alberi avrebbero tentato di utilizzare la loro creazione. Il gruppo di tedeschi non avrebbe fatto i conti con un albero marcio e così la teleferica ha ceduto
16 giugno - 18:26

Vendute a Dubai, Mumbai, Miami ma nate e prodotte ad Arco dalla Vetrogiardini hanno portato Sandro Santoni e Luca Degara a Roma per la Festa della Repubblica sono state inserite fra i 32 oggetti di design che rappresentano il genio e l’eccellenza italiana

16 giugno - 17:14

E' il 2 ottobre 1922 e le squadracce fasciste invadono le aule del municipio di Bolzano apponendo nella sala consiliare il busto di Vittorio Emanuele III re d’Italia. Per il Trentino s’apre un’epoca di insofferenza verso la mancata autonomia, l’Alto Adige finisce per trasformarsi in un ''laboratorio d’Italia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato