Contenuto sponsorizzato

L'impianto natatorio? Mi ricorda quando da bambino ci promettevano il Palazzetto del Ghiaccio

Ci sono voluti 30 anni per arrivare alla realizzazione della struttura. Intanto noi abbiamo imparato a pattinare nei campetti di S. Giuseppe o al Santissimo. Sul tavolo ci sono ancora la funivia Trento-Bondone, la funicolare per Povo, la città sul fiume. La verità è che servono opere economicamente sostenibili
DAL BLOG
Di Walter Alotti - 03 dicembre 2016

Attuale segretario generale della Uil in Trentino è giornalista pubblicista dal 2014

Il dibattito in corso in Comune a Trento, sulla scelta del dimensionamento e sul costo che la Città capoluogo dovrà affrontare per la costruzione e la gestione del nuovo impianto natatorio, ci fa tornare ad analoghe discussioni e diatribe che hanno diviso e spesso illuso la cittadinanza trentina. Personalmente posso andare alla fine degli anni ’60, quando, scolaro delle scuole elementari, ricordo benissimo l’annuncio dell’imminenza della costruzione di un immaginifico Palazzo del Ghiaccio, che vide la luce in realtà 30 anni dopo. Noi figli del baby boom imparammo quindi tutti a pattinare nei campetti di S. Giuseppe o al Santissimo e riuscimmo a fare qualche pattinata come si deve recandoci al lago di Piné o a Bolzano, che molto prima di Trento si dotò di un impianto al passo coi tempi.

 

La discussione anche allora era sulla grandezza, costo e paragone dell’ipotetico impianto con altre strutture delle città italiane e vicine: Bolzano, Innsbruck, Milano. E sempre, nell’attesa del progetto migliore, si è rimandata la scelta o si è ragionato delle grandi intuizioni di qualche mente eccelsa, senza verificare quali erano le reali risorse disponibili ed effettivamente utilizzabili, le necessità della comunità, il perseguimento di una sobria, intelligente amministrazione, in tempi ragionevolmente brevi.

 

E’ ancora in essere la discussione sul grande impianto funiviario del Monte Bondone (60 milioni?), abbiamo perso le tracce di quella sulla funicolare o cremagliera per la collina di Povo (15 milioni?), si è affacciata da poco la proposta della città sul fiume alla francese o della metropolitana leggera, dopo aver abbandonato l’idea del passante e della stazione ferroviaria sotterranea di Trento. Quindi è il tempo, anzi senza forse, è il tempo di scelte di buona amministrazione, sobrie e compatibili con le finanze del Comune e della Provincia Autonoma, che sappiamo non sono più, e purtroppo non saranno più in futuro, tanto rilevanti da permetterci di costruire “cattedrali nel deserto” e ancor meno da sopportare costi di gestione ancor più gravosi, per la “grandeur” di qualche politico od amministratore pubblico.

 

Le risorse pubbliche vengano quindi utilizzate, come propone l’Assessore allo Sport del Comune di Trento Uez, per strutture valide, ma dimensionate alle esigenze della città, magari prevedendo tecniche e soluzioni dai costi di gestione ridotti, utili alle famiglie e al numero maggiore possibile di associazioni, utenti e clienti, non in funzione di competizioni europee o mondiali, ragionando anche sulla necessità di reperire risorse per altri settori prioritari nello sport, ma anche di risanamento ambientale, di riconversione allo sviluppo della città. Azioni di governo sensate, concrete, sobrie e lungimiranti, per il bene dei cittadini di Trento e di tutto il territorio provinciale.

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 12:25

Tamponi antigenici e molecolari, a scuola c’è ancora confusione ma si fa largo l’ipotesi che i positivi ai test rapidi sfuggano dai conteggi per mettere le classi in quarantena. La lettera di una mamma: “Le maestre hanno il divieto tassativo di avvisare i genitori di eventuali contagi. Credo sia molto grave”

24 novembre - 11:54

La struttura ricettiva lancia anche un duro affondo sulla politica per l'assenza di certezze: "Purtroppo la mancanza di direttive e di una politica razionale per la prossima aperura invernale da parte della classe politica (ahimè senza titoli universitari o esperienza lavorativa almeno nel 95% dei casi) ci porta in autonomia per necessità di coerenza e rispetto verso il buonsenso di non aprire"

24 novembre - 11:33

La guida del Gambero Rosso quest’anno non ha dato punteggi, ma ha cercato di celebrare la ristorazione che sta reggendo il colpo, che porta avanti le sue golosità, nonostante tutto e che riesce ancora a tenere botta alla devastante crisi causa Covid. Sono state confermate solo 38 Tre Forchette in tutta Italia ad altrettanti superchef mentre sono tante le Due Forchette anche per la ristorazione regionale. Da Brunel a Ghezzi da Fumagalli a Gilmozzi, Melis, Bellingeri ecco chi sono 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato