Contenuto sponsorizzato

Numero unico di emergenza, quali tempi di attesa?

La Uil chiede l'intervento di un'autorità terza per monitorare la qualità e i tempi del servizio: "Le autocertificazioni autoreferenziali sarebbero poco interessanti e obiettivamente di bassa credibilità"
DAL BLOG
Di Walter Alotti - 25 agosto 2017

Attuale segretario generale della Uil in Trentino è giornalista pubblicista dal 2014

La Uil del Trentino chiede di conoscere i tempi medi di attesa e risposta al Numero Unico Emergenza 112 della Centrale Unica Emergenza trentina, alla luce della statistica che il Viminale ha reso noto a livello nazionale e che tante polemiche ha sollevato rispetto ai tempi medi di risposta - da 5 a 8 secondi - delle Regioni virtuose e quelli estremamente lunghi - 60 secondi - di Roma Capitale.

 

Poiché il Trentino non risulta contemplato dall’elenco, probabilmente per la sua recente attivazione o per qualche altro arcano 'autonomistico'  mistero, crediamo sia interessante l’esito di un monitoraggio sulla qualità ed i tempi del servizio, possibilmente da parte di un’autorità terza, visto che le autocertificazioni autoreferenziali sarebbero poco interessanti ed obiettivamente di bassa credibilità.

 

Anche perché sia al Sindacato che alle nostre associazioni di cittadini, pensionati e consumatori collegate sono giunte segnalazioni di tempi piuttosto lunghi di intervento degli altri servizi collegati, più che di risposta del 112.

 

Come per esempio il 118 - ambulanze servizio medico pronto soccorso -, non si capisce se per lo scarso numero di ambulanze proprie dell’ASL e/o per la conseguente complessità di intervento di quelle convenzionate col servizio sanitario provinciale, gestite dalle svariate  Associazioni volontaristiche socio sanitarie trentine.

 

Evidentemente, se è comprensibile un certo ritardo in un momento di intasamento del centralino per eventi atmosferici straordinari che interessano aree diverse del territorio (bufere, nubifragi, allagamenti), non lo è per normali richieste di intervento legate appunto a necessità improvvise e gravi di carattere sanitario o di polizia.

 

Certamente valida e condivisibile la scelta adottata in Trentino, come in tante altre Regioni del modello del 'call center laico' - centrale unica di risposta -, ma sempre che sia di migliore e veloce smistamento al servizio specifico necessario, non di un ulteriore aggiuntivo “passaggio” fisico attraverso ulteriori operatori che rischiano di allungare i tempi di risposta, piuttosto che ridurli.

 

L’assessore ha recentemente relazionato sugli investimenti e sui costi rilevanti che questa complessa struttura comporta ed ha comportato. Ci auguriamo ovviamente che i trentini non ne abbiamo mai bisogno, ma nel caso fosse e certamente ne sarà necessario l’utilizzo e  l’intervento, si operi in efficienza e siano rispettati i giusti tempi di reazione e di intervento

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 13:12

E' avvenuto sull'Altopiano della Vigolana, dove il giovane risiedeva. Pedinato dai finanzieri, è stato fermato e ha tentato la fuga. La perquisizione dell'auto e della casa hanno così portato al rinvenimento di 7 etti di fumo, 15mila euro e due lingotti d'oro. Il soggetto era stato protagonista dell'efferato pestaggio di un militare al di fuori di un noto locale valsuganotto. Arrestato

12 novembre - 05:01

“Bene, è arrivata una nuova pollastrella” , sono queste le parole che Hope (nome di fantasia per motivi di sicurezza) ha sentito la mattina che ha capito di essere stata venduta alla mafia nigeriana. Aveva appena 18 anni quando è successo. E' stata costretta a spogliarsi, a farsi valutare come un oggetto all'asta da Madame, colei che si occupa del business nigeriano. Poi è finita sulla strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato