Contenuto sponsorizzato

Viaggio a Sporminore, il Borgo Virtuoso

Situato sulla sponda destra del Noce, il paese gode di un invidiabile panorama che spazia dalla Val di Non alle Dolomiti del Brenta, alla valle dell’Adige. I nobili Spaur ne fecero una delle loro sedi privilegiate
DAL BLOG
Di William Belli - 02 gennaio 2019

"Memorie dal sottosuolo"  itinerari di storia ed arte nel Trentino

Sporminore non rientra fra i borghi più belli d’Italia, ma è comunque un borgo virtuoso, dove associazioni e amministrazioni comunali negli ultimi vent’anni hanno operato per una progressiva riqualificazione. Vale la pena di farci una visita per le sue chiese, i palazzi, il castello e un presepio secolare esposto nella chiesa

 

L’importanza dell’antica via che dal Garda risaliva fino al passo delle Palade spiega perché gli Spaur fecero di Sporminore una delle loro sedi privilegiate erigendovi castelli e palazzi, che sono tuttora il vanto del piccolo paese.

 

Già dall’entrata Sporminore esibisce le sue patenti di nobiltà: l’antica chiesa di Maria Addolorata e il palazzo Spaur. La chiesa, restaurata, è tardogotica con portale rinascimentale ed è circondata dal panoramico cimitero con lapidi storiche, le antiche pale d’altare, restaurate, sono state trasportate nella parrocchiale nuova .

 

Il palazzo Spaur è il gioiello di Sporminore, composto da due corpi, con torretta, deliziosi giardini cinti da muro e un elegante facciata ornata da inferriate settecentesche tra le più belle del Trentino.

 

L’ampia piazza, sulla quale convergono le vie del paese lastricate di porfido, è dominata dalla neo romanica chiesa parrocchiale, dove a Natale si espone un artistico presepe con grandi figure in legno, notevole è la raccolta di oggetti sacri, gotici e barocchi, croci processionali, elaborati ostensori creati da argentieri di Augsburg, statue lignee e paramenti ricamati, esposti dietro robusta cancellata.

Nell’abside grande pala raffigurante un Golgota desolato con Maria addolorata, dono, vuole la tradizione, nientemeno che dell’imperatrice Elisabetta.

 

La via che porta al castello di Sporo Rovina, vede spiccare tra le abitazioni rustiche l’altro palazzo Spaur, anch’esso restaurato, con alta torretta che cela graffiti cinquecenteschi.

 

Un itinerario segnalato raggiunge i resti affascinanti del Castello di Sporo rovina, culla degli Spaur, teatro di fosche leggende, del quale l’ammirevole restauro ha messo in luce l’intera cinta murata e ha consolidato la torre ottagonale, accessibile fino alla sommità da cui si spazia sulla Val di Non.

 

La passeggiata continua fino al Bus dela Spia, grotta profondissima (accesso su richiesta al Comune) con sifone d’acqua sotterraneo, già illustrata da Cesare Battisti.

 

Infine la mostra permanente nel Centro sociale allestita da appassionati che hanno raccolto testimonianze storiche sulla vita quotidiana dei tempi andati, con riproduzioni di foto antiche su angoli di Sporminore e ricostruzioni di ambienti di vita come la cucina, la camera da letto, il laboratorio di un falegname, una raccolta di strumenti di lavoro, tutti rigorosamente documentati. (info presso il Comune )

 

Non dimentichiamo infine che Sporminore è uno dei posti storici dove si può gustare il tortel di patate.

 

Altre informazioni si trovano nei libri "Sulle sponde dello Sporeggio", 1977; "Sporminore. Segni e memorie", 2000.

 

 

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.15 del 22 Gennaio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 19:45

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio si è dimesso dal ruolo di segretario del M5S a seguito del processo di riforma interno che ha portato all'istituzione dei facilitatori, figure di raccordo tra centrale e locale. Tra questi, in Trentino, il consigliere provinciale Alex Marini. "Grazie a Di Maio, il Paese è diverso anche per il suo lavoro". E il leghista Savoi si lascia andare all'ennesima caduta di stile

22 gennaio - 19:23

Mentre ancora oggi il presidente della Pat dimostra di non aver capito che problemi complessi richiedono soluzioni altrettanto articolate (e, demagogicamente, lega la nascita della Scuola di Medicina al ''dare risposte concrete ad un territorio di montagna come il nostro'') appare evidente che la linea della giunta è stata stralciata completamente e in Veneto si parla di una Padova che ''si fa da parte'' (e apre a Treviso una facoltà da 60 posti)

22 gennaio - 18:42

Al momento del voto le opposizioni sono uscite dall’aula facendo mancare il numero legale: “Ripartiamo daccapo”, Matteotti (M5s): “Dietro a un po’ di verde si nasconde un grande blocco di cemento”. La replica di Zanoni: “Variante coraggiosa, noi vogliamo difendere i valori morali della città che non possono essere schiacciati da nessun potentato di turno”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato