Contenuto sponsorizzato

Dalla follia in Santa Maria, ai danni al Tovazzi, dalla resistenza a pubblico ufficiale alle testate contro gli autobus: il tunisino 31enne patteggia a 9 mesi

Ieri sera ha gettato nel panico via della Propositura lanciando pietre contro l'autobus 8 e caricando con una testata il parabrezza del 4. Oggi il processo per direttissima. Un autista è ancora sotto shock. L'accusa? Danneggiamento aggravato e interruzione di pubblico servizio

Di Luca Pianesi e Luca Andreazza - 12 October 2017 - 13:29

TRENTO. 9 mesi di reclusione e una certezza: è sempre lui. Dalla notte di follia in Santa Maria al Tovazzi, dalla resistenza a pubblico ufficiale, per arrivare a ieri sera. Adesso viene da chiedersi cos'altro dovrebbe succedere. L'autista che s'è visto il ragazzo prendere la rincorsa e andargli incontro finendo per dare una testata contro il parabrezza, sfondandolo a pochi centimetri da lui, è ancora sotto shock. Un altro autobus questa mattina, al suo interno portava ancora i segni della follia di questa notte, con vetri ovunque, un pietrone e una delle "finestre" laterali completamente divelta. E poi c'è la signora che s'è vista sfiorare dal sasso e colpire da alcune schegge di vetro che è ancora spaventata.

 


 

Il day after la sera di straordinaria follia avvenuta in via della Preposituraè di quelli da post trauma. Inutile far finta di niente. Quel che è successo intorno alle 20.30 in zona della Portela è stato davvero impressionante, a detta di tutti i presenti che questa mattina hanno dovuto, almeno in parte, rivivere la vicenda in fase processuale. Il ragazzo protagonista di quanto accaduto è sempre lui: il tunisino classe '86 (residente regolare in Italia, con moglie e figlia) che in luglio aveva sfasciato mezza Piazza Santa Maria bloccando la strada con dei cestini, che un mese fa era stato arrestato per violenza, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale e che a fine agosto aveva perso la testa dentro il supermercato Tovazzi.

 

Piazza Santa Maria (10 luglio)

 

 

 

Tovazzi (24 agosto)

 

 

 


 

Ieri sera c'è ricascato, ma con gli interessi. Prima si è scagliato contro il Friends Fast Food in via della Prepositura lanciando un motorino per la consegna a domicilio del cibo, poi ha visto arrivare l'autobus numero 4. Lo ha puntato, e mentre questo rallentava per fermarsi alla fermata lui lo ha "caricato" dandogli una violenta testata che ha, di fatto, sfondato il parabrezza (che è fatto di vetro laminato con doppio vetro e uno strato di plastica intermedio) senza abbatterlo. Poi, non contento, ha gettato a terra dei vasi, rovesciandoli, e ha raccolto un sasso, un pietrone molto grosso. Lo ha sollevato e l'ha lanciato contro il vetro laterale dell'autobus 8 (che arrivava subito dietro il 4) distruggendolo. All'interno vi erano una quindicina di passeggeri e una signora è stata sfiorata dalla pietra e molti sono stati colpiti dai vetri.

 


 

Poi sono dovuti intervenire Fabio Pipinato (storico direttore di Unimondo e oggi presidente di Ipsia del Trentino e Cta Acli), che stava passando di lì, e un carabiniere in borghese di Bolzano. Lo hanno placcato e fermato. E poi è toccato alle forze dell'ordine arrestarlo. Questa mattina il giudizio per direttissima con l'accusa di danneggiamento aggravato e interruzione di pubblico servizio. Il giovane ha patteggiato a 9 mesi di reclusione ed è stato trasferito in carcere ma, viene da pensare, forse oltre alla detenzione servirà un buon percorso rieducativo e di accompagnamento psichiatrico perché l'escalation dei fatti è davvero preoccupante.

 

"Noi nella zona siamo all'esasperazione più totale - commenta Paolo Frizzi capogruppo dell'Ana di Trento e rappresentante del direttivo dell'associazione Rinascita Torre Vanga - e ci chiediamo che cosa si voglia fare per risolvere questo problema. Gli interventi a spot servono fino ad un certo punto, ma sono necessari controlli e azioni continuate e coordinate. Degrado urbano e umano sono distinti, ma collegati. È comodo lasciare tutti i problemi nella nostra zona ma così non si può andare avanti. Degrado porta degrado e la gente è portata all'esasperazione. Il Comune ha fatto una bella opera di riqualificazione per Piazza Santa Maria ma poi ha abbandonato il campo e ha lasciato soli quei quattro cinque esercenti che tutti i giorni si confrontano con criminali e sbandati e sono vessati da continue minacce. Adesso basta".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 March - 11:59

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha confermato la zona “rosso scuro” per Trentino e Alto Adige ma fa il suo ingresso anche l’Emilia-Romagna. In questi territori l’incidenza, calcolata su due settimane, supera i 500 casi ogni 100.000 abitanti

04 March - 13:15

Dalle ore 24 di giovedì 4 marzo fino al 14 marzo, tutta la Lombardia sarà in zona "arancione rinforzato". La giunta ha infatti deciso di eliminare ogni differenza tra le aree, così da preservare quelle province meno interessate dai contagi. Il presidente Attilio Fontana: "Tutte le scuole di ogni ordine e grado, eccetto i primi servizi all'infanzia, dovranno sospendere l'attività in presenza"

04 March - 12:55

L’azienda SynapsEES, all’interno di Progetto Manifattura a Rovereto, ha elaborato un innovativo sistema di sanificazione dell’aria per prevenire la diffusione del Covid 19 negli ambienti chiusi e molto frequentati come scuole, teatri, uffici e ospedali. Il fondatore: “L’aria contaminata è uno dei principali veicoli di trasmissione del virus, per prevenire il contagio è molto importante immettere aria sana negli ambienti”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato