Contenuto sponsorizzato

Due aggressioni contro Forza Nuova, in cinque fermati dalla Polizia (VIDEO)

Ecco il video delle aggressioni e il momento del fermo dei cinque giovani che hanno lanciato vernice e bottiglie vuote contro il gazebo del partito di estrema destra

Pubblicato il - 21 ottobre 2017 - 17:48

TRENTO. Seconda aggressione, nel giro di nemmeno un'ora, al gazebo di Forza Nuova che si trovava in via Manci. I giovani che poco prima erano riusciti a fuggire (qui l'articolo) dopo il lancio di vernice contro i militanti del partito di estrema destra, sono tornati nuovamente alla carica incuranti del fatto che il posto fosse presidiato dalle Forze dell'ordine.

 

In tre sono riusciti a lanciare una bottiglia di birra vuota, abbattere un totem posizionato vicino al gazebo per poi finire tra le mani dei poliziotti che sono riusciti a placcarli. Anche il segretario della sezione locale di Forza Nuova Numa De Masi si è scagliato contro uno dei tre cingendolo al collo mentre agenti della Questura lo ammanettavano. 

 

Uno di loro, mentre veniva tenuto faccia al muro dalla polizia, ha spiegato le ragioni del gesto, urlando la sua contrarietà all'iniziativa di Forza Nuova "che come Casa Pound aggredisce senza tetto, immigrati e nomadi", accusando le Forza dell'ordine di "scortare" i movimenti di estrema destra. 

 

Tra la prima e la seconda aggressione i giovani aggressori fermati dalla polizia sono stati cinque, due la prima volta e tre la seconda. In tutto, secondo le testimonianze, gli aggressori era una decina.

 

Il gazebo, montato per raccogliere le firme contro la legge a favore dello Ius soli, è stato smontato e l'iniziativa di Forza Nuova è stata annullata. 

 

Qui sotto il video delle aggressioni di oggi:

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato