Contenuto sponsorizzato

Trento, scritte contro Salvini in piazza Battisti

L'imbrattamento fa riferimento allo sgombero avvenuto ieri a Torino dove sono stati arrestati 6 anarchici ma anche contro i  Centri di permanenza per i rimpatri. Sul posto le forze dell'ordine

Pubblicato il - 08 febbraio 2019 - 08:03

TRENTO. “Salvini terrorista libertà per i compagni di Torino”, “Più sgomberi più rabbia tutti/e liberi/e”, scritte contro il ministro Salvini in piazza Cesare Battisti a Trento dove si trova la sede della Lega Nord.

 

Sono apparse nella tarda serata di ieri e sono state fatte con riferimento a quello che ieri è successo a Torino dove le forze dell'ordine hanno provveduto a sgomberare il centro sociale L'Asilo, la struttura che dal 1995 era occupata da anarchici e antagonisti. L'operazione ha visto l'arresto di sei persone.

Vi è poi anche la scritta “No Cpr” in riferimento ai Centri di permanenza per i rimpatri. Imbrattata anche la pulsantiera del campanello della sede leghista. 

 

Sul posto nel corso della notte sono immediatamente intervenute le forze dell'ordine per i rilievi e cercare di individuare gli autori del gesto.

 

Altre scritte contro la Lega e il vicepremier erano apparse lo scorso ottobre all'arrivo di Salvini a Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 17:43

Gli 8 decessi sono quasi tutti avvenuti in ospedale (7) e 1 in RSA; si tratta di 5 donne e 3 uomini; l’età media è di 85 anni

27 novembre - 16:59

Secondo il monitoraggio svolto settimanalmente dal Ministero della Salute, tutte le regioni e province autonome italiane sarebbero al di sotto dell'1.5 di indice Rt. In attesa di capire le decisioni del governo, tutto il Paese sarebbe così "zona gialla". Ancora problematici i parametri dell'occupazione dei letti d'ospedale e del fattore rischio

27 novembre - 16:47

L’uomo, per gelosia, impediva alla compagna di condurre una vita quotidiana nei limiti della normalità, usando la violenza su di lei anche davanti ai figli piccoli

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato