Contenuto sponsorizzato

Trento, tensione dopo il blitz contro gli anarchici, una cinquantina di persone manifestano per la libertà degli arrestati

Una cinquantina di anarchici e antagonisti, alcuni coperti in viso, sono in strada all'urlo di "Libertà per" e il nome degli arrestati, ma anche "Salvini sei il primo della lista", il tutto scandito al megafono. Diverse le scritte comparse in città come "Terrorista è lo Stato"

Pubblicato il - 19 febbraio 2019 - 19:23

TRENTO. Tensione in centro storico a Trento tra slogan e scritte sui muri. Dopo il blitz delle forze dell'ordine che ha portato all'arresto di sette anarchici, che le indagini avrebbero individuato quali autori di diversi attentati come l'esplosione al dipartimento di matematica e fisica dell'Università e la bomba alla sede della Lega di Ala (Qui articolo).

 

Una cinquantina di anarchici e antagonisti, alcuni coperti in viso, sono in strada all'urlo di "Libertà per" e il nome degli arrestati, ma anche "Salvini sei il primo della lista", il tutto scandito al megafono. Diverse le scritte comparse in città come "Terrorista è lo Stato".

 

L'area è presidiata dalla polizia, intervenuta subito in tenuta anti-sommossa, per garantire la massima sicurezza. 

 

Dopo aver attraversato piazza Battisti e aver percorso via Oss Mazzurana, il gruppo di persone si è portata verso piazza Duomo, sempre seguiti delle forze dell'ordine. In questo momento la situazione appare sotto controllo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 maggio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 maggio - 12:02

La candidata annuncia una "doppia rivoluzione copernicana'' per un'Unione che veda ''l'Italia protagonista'' e ''al centro l'uomo''. Appello alle donne: ''Siate protagoniste, nonostante i sensi di colpa al femminile''

20 maggio - 11:49

Un cucciolo di orso è stato avvistato lungo la strada statale 45 bis della Gardesana all'altezza del bivio per la provinciale 84 poco lontano dall'abitato di Padergnone. L'arteria è rimasta chiusa diverse ore in attesa dell'arrivo della mamma

20 maggio - 06:01

E' dal 2009 che le coltivazioni di piccoli frutti registrano danni gravi e crescenti per il costante aumento di questo dittero. A fine anno in Svizzera potrebbe partire una sperimentazione che prevede l'utilizzo di un parassitoide per fronteggiare il moscerino della frutta. A Roma un documento si muove lentamente. Dallapiccola: "Avranno preso contatti con il governo 'amico' per accelerare?"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato