Contenuto sponsorizzato

Processo anarchici, pene confermate e all'esterno una cinquantina di manifestanti con pochissime mascherine e nessun rispetto delle norme anti-Covid

Mentre in tribunale il giudice confermava (ritoccandole al rialzo per due imputati) le condanne in primo grado, all'esterno si verifica un assembramento pericoloso per tutta la collettività

Di Luca Pianesi - 22 febbraio 2021 - 19:44

TRENTO. Mentre il giudice Luciano Spina confermava il dispositivo del gup Enrico Borrelli e respingeva le richieste della procura generale (che chiedeva il riconoscimento dell'aggravante con ricalcolo delle pene fino a quasi 25 anni di carcere) all'esterno del tribunale un manipolo di una cinquantina di anarchici si era radunato per manifestare in solidarietà dei sei compagni arrestati. Striscioni, una mostra improvvisata per denunciare le condizioni delle carceri e tutti a volto scoperto.

 

Praticamente nessuno indossava uno straccio di mascherina e rispettava qualsiasi regola base anti-Covid. Gli anarchici saranno anche anarchici e quindi non rispettano regole e protestano a prescindere contro imposizioni e restrizioni ma qui di mezzo ne va la salute pubblica e quanto visto oggi pomeriggio può davvero rappresentare qualcosa di pericoloso per la collettività, oltre che per la loro salute. 

 

La causa era quella che riguardava l'operazione ''Renata'' che aveva portato all'arresto di sette persone per quella che sin dalle prime fasi delle indagini era ritenuta una cellula anarco – insurrezionalista che da Trento progettava e portava a termine veri e propri atti sovversivi con finalità terroristiche e con collegamenti con altre omologhe realtà sia italiane che straniere operative in Grecia, Spagna e Svizzera (qui la ricostruzione della vicenda).

 

Le accuse in primo grado erano molto pesanti: si andava dall’associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico, passando per il possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi, fabbricazione, detenzione e porto di armi ed esplosivi, atto di terrorismo con ordigni micidiali o esplosivi, finendo con incendio e danneggiamento di sistemi informatici o telematici, anche di pubblica utilità, con finalità di terrorismo.

 

Tra i reati contestati ai sette vi erano anche il danneggiamento della sede della Lega di Ala, l'incendio di 9 auto della polizia locale, l'attentato incendiario a un laboratorio di matematica a Povo, a banche e agenzie interinali e a tralicci. In totale erano arrivate sei condanne e un assolto: due di loro erano stati condannati a 2 di reclusione per aver prodotto documenti falsi.

 

Pena più lieve, ancorché per lo stesso reato, per un altro con un anno e 9 mesi dal momento che gli veniva contestato un singolo episodio. 2 anni e 6 mesi per danneggiamento e violazione della legge sulle armi ad un altro indagato, relativamente agli attentati alla sede della Lega di Ala e all'Unicredit di Rovereto e 8000 euro di multa. Ritenuti responsabili dell’attacco alla sede della Lega di Ala, oltre che per danneggiamento e violazione della legge sulle armi, anche altri due arrestatecondannate a un anno e 10 mesi, per loro pure 6000 euro di multa (qui i dettagli)

 

Tutti gli imputati erano stati assolti per quanto riguardava il danneggiamento del laboratorio di matematica industriale e crittografia del Dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università degli Studi di Trento, il danneggiamento di un traliccio della società “Spa Towers” in località Monte Finonchio e il fallito attentato incendiario ai danni di nove autoveicoli della Polizia Locale.

 

E così, oggi, davanti a un tribunale blindato con tantissime forze dell'ordine schierate oggi è stato praticamente tutto confermato con le pene leggermente ritoccate per  per Enrico Parolari e Sacha Marie Antonia Beranek che erano tra quelli ritenuti responsabili dell’attacco alla sede della Lega di Ala, oltre che per danneggiamento e violazione della legge sulle armi: il primo è passato a una condanna a tre anni (prima era due anni e sei mesi), la seconda a due anni e quattro mesi (prima era un anno e dieci mesi).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 febbraio - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 febbraio - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
24 febbraio - 20:01

E' situata all’ospedale riabilitativo “Villa Rosa” di Pergine Valsugana e dispone di 14 posti letto, 1 palestra, 2 piscine, 1 laboratorio di analisi del movimento, 1 centro di valutazione domotica e addestramento ausili e 1 sezione dedicata alla riabilitazione robotica. Ecco in cosa consiste il centro e di cosa si occuperà

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato