Contenuto sponsorizzato

Era in contatto col battaglione dei foreign fighters di El Mkhayar ma stava a Bolzano. Espulso 25enne marocchino

Insieme a lui sono stati espulsi altri due ragazzi, un altro marocchino preso a Torino e un tunisino preso a Perugia che per gli investigatori aveva combattuto in Siria nel 2013

A destra Monsef El Mkhayar
Pubblicato il - 19 novembre 2017 - 13:36

BOLZANO. C'era anche un 26enne trovato a Bolzano tra i tre ragazzi espulsi dal nostro Paese per rischio terrorismo, perché in contatto con alcuni foreign fighter dell'Isis che combattono in Siria. In particolare in contatto con la brigata dell'estremista 'milanese' Monsef El Mkhayar, (QUI LA SUA STORIA ricostruita da l'Espresso) il 21enne condannato a 8 anni di carcere per terrorismo internazionale dai giudici di Milano e ritenuto dalla giustizia un reclutatore del Califfato a tutti gli effetti. Per la procura milanese El Mkhayar conduceva dalla Siria un'attività di "supporto all'opera criminale dell'Islamic State messa in atto - aveva spiegato il pm in sede dibattimentale - in modo continuativo e volta a colpire in modo indifferenziato una massa di soggetti con minacce di ritorsioni seguite alle risposte negative".

 

Il giovane, nonostante dei ripensamenti (la zia in fase processuale aveva riferito che il nipote le avrebbe detto: "Non ce la faccio più a vedere gente sgozzata, teste mozzate e tutto questo sangue, voglio tornare in Italia, voglio uscire da qui e scappare dalla guerra perché non ho trovato quello che cercavo") sarebbe rimasto in Siria a combattere. E proprio con la sua unità operativa di foreign fighter, che ancora si batte in Siria per l'Isis, erano in contatto due ragazzi marocchini.

 

Entrambi sono stati espulsi: sono un 25enne rintracciato lo scorso mese a Torino e un 26enne trovato, invece a Bolzano. Con loro è stato espulso anche un terzo ragazzo tunisino di 31 anni con diversi precedenti penali per droga. Lo hanno rintracciato a Perugia e gli investigatori sono convinti che abbia combattuto in Siria nel 2013. Tutti e tre sono stati espulsi per motivi di sicurezza dello Stato con un provvedimento firmato dal ministro dell'Interno Marco Minniti. Con quella di oggi salgono a 96 le espulsioni dall'inizio dell'anno, mentre sono 228 dall'inizio del 2015. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 febbraio - 17:37

Sono stati analizzati 3.475 tamponi tra molecolari e antigenici. Sono 211 i pazienti in ospedale. Oggi 143 guarigioni. Nelle ultime 24 ore 63 casi tra bambini e ragazzi in età scolare: 35 le classi in isolamento

26 febbraio - 16:24

Chi ha un medico che non aderisce alla campagna o chi non ha un medico in Trentino ma lavora qui, può prenotarsi al Cup online. Sarà vaccinato tutto il personale scolastico, fino ai 65 anni di età

26 febbraio - 15:18

Se l'Rt è inferiore a 1 ma il rischio calcolato sui 21 indicatori risulta essere ''Alto'' si entra comunque in arancione, come questa settimana dovrebbe essere successo a tre regioni: Lombardia, Piemonte e Marche. Queste vanno ad aggiungersi alle confermate Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Toscana, Provincia autonoma di Trento e Umbria. Potrebbe esserci la prima regione bianca mentre una diventa rossa

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato