Contenuto sponsorizzato

Il trattore li rallenta e il furgone dietro, per evitare il tamponamento, si ribalta fuori strada

L'incidente è avvenuto alle 13.30 sulla Destra Adige. Un Mercedes non si è accorto che davanti gli altri veicoli erano rallentati da un trattore e per evitare l'impatto ha sterzato sulla sinistra. Ha comunque toccato un altro furgone che è finito fuori strada

Di Luca Andreazza - 20 novembre 2017 - 14:47

NOMI. Un furgone è finito completamente ribaltato sulla sinistra della strada, l'altro è stato spinto nel fosso sulla destra ma fortunatamente gli autisti di entrambi i mezzi non hanno riportato gravi conseguenze. L'incidente si è verificato poco dopo le 13.30 lungo la strada provinciale 90, circa un chilometro più a nord dell'abitato di Nomi.

 

 


Due furgoni, un Mercedes Vito e un telonato Renault stavano percorrendo nello stesso senso di marcia la Destra Adige diretti verso nord. Il Renault era già in colonna dietro a un trattore che aveva rallentato il traffico e che doveva girare sulla sinistra per imboccare via Case Sparse. Il Mercedes, probabilmente, si è accorto troppo tardi che davanti stavano tutti rallentando e così per evitare di scontrarsi rovinosamente contro il furgone che lo precedeva ha sterzato perdendo il controllo del veicolo. Ribaltandosi ha comunque urtato il mezzo che lo precedeva spingendolo nel fosso.

 


 

Sul posto sono giunti i vigili del fuoco di Nomi e quelli di Calliano con le pinze idrauliche perché le condizioni del Vito erano davvero impressionanti con il muso tutto accartocciato. Fortunatamente, però, nessuno dei due autisti ha riportato gravi conseguenze. Sul posto la polizia locale a ricostruire la dinamica dell'accaduto e due ambulanze. 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 05:01

Il Cibio è stato tra i primissimi centri di ricerca in Italia a ipotizzare di sviluppare un vaccino per contrastare Covid-19. I laboratori coordinati da Pizzato e Grandi erano arrivati, anche piuttosto velocemente, a chiudere la fase pre-clinica. Poi a luglio ci si è fermati per l'impossibilità di raccogliere un finanziamento di un paio di milioni: "Ci sarebbe un modo anche per comprendere nel prodotto l’efficacia contro specifiche varianti del virus"

27 febbraio - 08:02

L'allarme è scattato nella tarda serata di ieri e sul posto si sono portati diversi corpi dei vigili del fuoco. Sulle cause sono ancora in corso le verifiche 

27 febbraio - 07:41

E' successo nella tarda serata di ieri all'altezza di Egna. Sul posto i vigili del fuoco e la polizia stradale 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato