Contenuto sponsorizzato

A Trento arrivano le cene al buio su misura con amici e parenti

Il massimo dei partecipanti è 25.  Ci si può rivolge alla cooperativa Irifor tramite il loro sito e il loro contatto telefonico, lasciando i nominativi dei partecipanti e eventuali intolleranze o allergie

Di Gianmarco Fontana - Istituto Ivo de Carneri - 01 February 2018 - 20:52

TRENTO. Una cena al buio completamente su misura con la possibilità di invitare al massimo 25 persone tra amici e parenti. E' questa l'iniziativa lanciata dalla cooperativa Irifor.

Un'occasione unica per passare una serata diversa dal solito e allo stesso tempo un’esperienza che vada oltre la semplice degustazione, dove saranno altri i sensi, soprattutto tatto, olfatto e gusto ad essere stimolati.

            

L'esperienza verrà affrontata dai partecipanti completamente al buio e sarà un’abbondante cena con: antipasto, primo, secondo, contorno e infine un dolce. Il tutto verrà servito da camerieri ipovedenti e ciechi. Non solo si mangerà bene quindi, ma si potrà scoprire questa disabilità visiva, vivendola per una sera. Guidati dagli stessi camerieri, nel corso della serata si potranno ascoltare le loro esperienze, comprendere i loro modi di porsi alla vita di tutti i giorni, anche e non solo nelle minime cose.

 

Come fare per partecipare a questa magnifica e unica esperienza? Le cene e gli incontri si svolgono presso la sede della cooperativa in Via della Malvasia 15 a Trento.

 

“Come associazione – ci spiegano da Irifor - siamo attivi da novembre 2004, negli anni abbiamo registrato 18 mila presenze ed ora organizziamo cene anche per gruppi come, scuole superiori e società, mentre una volta erano programmate in specifiche date. Abbiamo una grande affluenza e negli anni ci siamo spostati anche fuori regione: a Padova, Udine, Reggio Calabria”.

 

La cena, come già detto, potrà avere un numero massimo di 25 partecipanti e una volta che ci si è organizzati, magari con amici e parenti, ci si può rivolge alla Cooperativa Irifor tramite il loro sito e il loro contatto telefonico, lasciando i nominativi dei partecipanti e eventuali intolleranze o allergie. I metodi di pagamento sono molteplici: si potrà pagare infatti, in contanti tramite la sede della Cooperativa dal lunedì al venerdì o tramite bonifico se si è più comodi. Il prezzo del pasto è di 35 euro a persona.

 

L’incontro poi, prevederà una breve introduzione di circa mezz’ora dove verrà spiegato come si svolgerà la cena. Un’occasione così può essere, oltre che una magnifica esperienza per il palato anche un modo per scoprire un mondo che spesso non si conosce. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
17 maggio - 10:21
Il 17 maggio è la Giornata internazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la transfobia e la bifobia. Nonostante gli anni siano passati, [...]
Ambiente
17 maggio - 13:09
L'appello della Fondazione CastelPergine Onlus e di alcuni cittadini preoccupati per il numero sempre maggiore di mountain bike che corrono fra i [...]
Cronaca
17 maggio - 16:07
E' successo la settimana scorsa a Lazise, sulla riviera veronese del lago di Garda: due cittadini albanesi di 24 e 27 anni sono stati arrestati [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato